Francesco Cavallini

Sarà anche vero che disturbare il portiere durante il rilancio è comportamento antisportivo (e come tale punito con un’ammonizione), ma se il portiere reagisce le possibilità di vedere rosso sono altissime. È il caso di Belec, portiere del Benevento, che si è beccato l’espulsione per aver scalciato Niang, che gli aveva volontariamente tagliato la strada mentre l’estremo difensore tentava di rilanciare. Giallo per il calciatore del Toro, rosso per lo sloveno. Il bello è che il Benevento è anche stato “fortunato”, perchè si è ripreso da un calcio di punizione per i sanniti, dato che il primo fallo in ordine di tempo è quello di Niang, altrimenti ci sarebbe anche stato calcio di rigore.

Non è la prima volta che un portiere si rende protagonista di gesti del genere. Vediamone qualcuno.

Chinnakorn Deesai

Il primo della lista è sicuramente Chinnakorn Deesai, portiere thailandese del Siam. In uno scontro tra culture preso un po’ troppo sul serio tra la thai boxe e la capoeira brasiliana, ha avuto la meglio l’arte marziale orientale, dato che al calcetto da terra ricevuto dal brasiliano Edvaldo, il portiere ha risposto con il più classico dei calcioni in faccia stile Muay Thai, un colpo violentissimo che ha mandato KO l’attaccante. L’estremo difensore avrà vinto il suo personalissimo match di arti marziali miste, ma ha concluso quello calcistico beccandosi un meritatissimo cartellino rosso.

Josh Saunders

Anche Josh Saunders, portiere statunitense, ha preso male un disturbo durante un rilancio. Durante il derby californiano tra Los Angeles Galaxy e San Jose Earthquakes, l’estremo difensore dei Galaxy si è visto rubare il pallone in maniera irregolare da un avversario, che glielo sfila dalle mani usando la testa. Il portiere se ne accorge e raccoglie la sfera, non prima di restituire la cortesia all’avversario con una bella manata in faccia. Anche in questo caso niente rigore, in quanto arriva anche il giallo per l’attaccante degli Earthquakes.

Pepe Reina

E infine abbiamo una conoscenza del nostro calcio, il portiere del Napoli Pepe Reina, che ai tempi del Liverpool si becca un bel cartellino rosso. Lo spagnolo viene sgambettato dall’attaccante del Newcastle Perch dopo aver bloccato la sfera, reagisce e durante la colluttazione dà una testata in faccia all’avversario. L’arbitro non può far altro che espellere dal campo l’estremo difensore e ammonire il calciatore delle Magpies per comportamento antisportivo.

Se ne deduce quindi un certo pattern: infastidire i portieri in fase di rilancio è rischioso, perchè può costare un cartellino giallo. Ma se l’estremo difensore dovesse reagire e prendere un rosso, qualcuno potrebbe anche pensare che valga la pena attuare una “strategia” del genere.