Redazione

Lutto nel mondo della moda. Nella notte di venerdì 27 maggio ci ha lasciati Laura Biagiotti, una delle regine del Made in Italy. Settantatre anni, romana, la stilista ha cominciato da una semplice sartoria nella Città Eterna un viaggio che l’ha portata a presentare le sue collezioni in tutto il mondo, diventando uno dei capisaldi della moda del Bel Paese. Particolarmente apprezzata negli Stati Uniti, tanto da meritarsi l’appellativo di “regina del cachemire”, quella di Laura Biagiotti è stata anche tra le prime firme tricolori ad affermarsi in Cina.

Ma dalla scomparsa della celebre stilista è colpito anche il mondo dello sport, in particolare quello del golf. Proprio grazie all’impegno (e alla fama) di Laura Biagiotti, l’Italia è riuscita ad ottenere l’assegnazione della Ryder Cup 2022, che si terrà proprio nel club di proprietà della famiglia Biagiotti a Marco Simone, alle porte di Roma. Il Marco Simone Golf & Country Club ospiterà il gotha del golf mondiale, in una competizione storica e particolarmente sentita che metterà di fronte le eccellenze europee e il fortissimo team statunitense.

Lo scorso settembre la stilista, assieme a sua figlia Lavinia, aveva accolto il trofeo nella sua tenuta, uno splendido castello medievale perfettamente restaurato, assieme a due ospiti d’eccezione, Costantino Rocca, leggenda del golf italiano, e il britannico Sam Torrance, otto Ryder Cup da giocatore e una da capitano. In quell’occasione Laura Biagiotti aveva dichiarato “Sono orgogliosa e felice assieme a mia figlia Lavinia, di aver portato in Italia per la prima volta la Ryder Cup, terzo evento sportivo al mondo, seguito da oltre due miliardi di telespettatori”.