Redazione

Grazie alle garanzie inserite nel Def del governo Gentiloni, la Ryder Cup edizione 2022 è salva. Il via libera del del ministro dello Sport Luca Lotti ha fatto tirare un sospiro di sollievo ai vertici della Federgolf e a tutti gli appassionati. La Coppa si disputerà nel 2022 a Roma, al Marco Simone di Guidonia. Infront sarà l’advisor commerciale. Il ministro Lotti aveva preso un impegno personale con il presidente della Federgolf Franco Chimenti e il d.g. della Ryder Gian Paolo Montali. Le garanzie sono di 97 milioni, per un impegno di 12 anni, dal 2017 al 2028.

Come funziona la Ryder Cup

Si tratta della più importante manifestazione internazionale di golf. Giocata per la prima volta nel 1927 negli Stati Uniti, prende il nome dall’uomo di affari inglese Samuel Ryder, che fece dono del trofeo. Il torneo non prevede montepremi.

E’ l’unica manifestazione sportiva in cui l’Europa gareggia insieme come squadra. Si gioca ogni due anni alternativamente in una città europea o americana. Europa contro Stati Uniti. Il 14 dicembre 2015 l’Italia si è aggiudicata il diritto di ospitare la Ryder Cup 2022.

La sede ufficiale di gioco sarà il Marco Simone Golf & Country Club. La Ryder Cup si svolge su sei giornate complessive, di cui tre di pratica e tre di gara, durante le quali i migliori 12 golfisti europei e i top 12 americani si contendono il trofeo.

Per la terza volta la competizione si giocherà al di fuori della Gran Bretagna. Nel 1997 si giocò in Spagna e nel 2018 è prevista in Francia. L’ultima edizione si è giocata in Minnesota a fine settembre 2016.

La selezione campione in carica è quella gli Stati Uniti, vincitrice dell’edizione dell 2016. Ma le tre precedenti edizioni (2014-2012-2010) sono state vinte dalla squadra europea. Il bilancio totale vede gli americani in vantaggio 26 a 13.