Adriano Stabile

C’è un misto di marketing abile e profonda passione sportiva nella sfida di Stefano Accorsi, che sta per cimentarsi per la prima volta come pilota professionista. Il 45enne attore bolognese, dal 2012 volto e voce della comunicazione Peugeot, debutterà in questo weekend alla guida di una vettura “308 Racing Cup” della casa francese, nella gara inaugurale del campionato italiano turismo “TCR Italy Touring Car Championship”, ad Adria. Dopo essersi aggiudicato l’ultimo David di Donatello per l’interpretazione nel film “Veloce come il vento” (regia di Matteo Rovere), ambientato nel mondo dei rally, Accorsi stavolta sarà davvero al via di una gara automobilistica.

Stefano Accorsi pilota, dal film alla realtà

Stefano Accorsi pilota

Stefano Accorsi pilota vero sulla Peugeot 308 Racing Cup

«Le macchine mi sono sempre piaciute, forse perché sono emiliano, forse perché ho un cugino meccanico che da piccolo mi ha insegnato tutto sul funzionamento dei motori – le parole di Accorsi ieri alla presentazione del progetto, a Pavia – durante le riprese di “Veloce come il vento” mi è stata data l’opportunità di scendere in pista con una macchina da corsa. In quel momento si è accesa una lampadina ed eccoci qui, al via del campionato. All’inizio mi sono detto “ma chi me lo ha fatto fare”, ma mano a mano che i giorni passano e i miei tempi migliorano, non vedo l’ora di essere sulla griglia di partenza».

Accorsi veloce come il vento

Accorsi nel film “Veloce come il vento” che gli è valso il David di Donatello

I COMPLIMENTI DI ARDUINI: «ACCORSI E’ ACCURATO COME SCHUMACHER»
L’idea è nata grazie a Massimo “Max” Arduini, quattro volte campione italiano di turismo, che si alternerà con Accorsi al volante della Peugeot “308 Racing Cup” nella corsa di Adria. «In queste settimane mi sono allenato seguendo le sue istruzioni e non vedo l’ora di cimentarmi in gara», spiega l’attore che incassa i complimenti, forse esagerati, dello stesso Arduini: «È un ottimo allievo, l’accostamento potrà sembrare troppo alto, ma davvero a me ricorda Schumacher per quella cura nei particolari, per la curiosità nel cercare di comprendere strumenti e componenti. In queste sessioni è cresciuto molto. Abbiamo effettuato anche delle sessioni su bagnato per essere preparati in tutte le condizioni».

SULLE AUTO CON MATILDA DE ANGELIS NEL FILM “VELOCE COME IL VENTO”
Accorsi e Arduini si sono conosciuti sul set di “Veloce come il vento”, pellicola ispirata alla storia reale del pilota Carlo Capone, che vinse il campionato europeo di rally nel 1984 prima di entrare in una spirale fatta di disgrazie famigliari e depressione. Nel film Capone “diventa” Loris De Martino (il personaggio interpretato da Stefano Accorsi), affiancato dalla fascinosa Matilda De Angelis, che nella storia è sua sorella Giulia. Arduini ha partecipato a “Veloce come il vento” come istruttore e consulente insieme con l’altra pilota Michela Cerruti, mentre gran parte delle scene in pista sono state girate a Imola, Monza e Vallelunga da Paolo Andreucci, esperto pilota toscano, nove volte campione italiano rally. Nel film la Peugeot protagonista è la leggendaria “205 Turbo 16”, campione del mondo rally nel 1985 e nel 1986 e presa in prestito dal Museo Peugeot di Sochaux.

Accorsi, che non nasconde di amare soprattutto le motociclette, si è appassionato alle quattro ruote durante le riprese, passando quindi ai test veri e propri e agli allenamenti per prendere la licenza nazionale C. «Abbiamo iniziato quasi per scherzo – ha spiegato ieri Massimo Roserba, direttore generale per l’Italia di PSA, il gruppo industriale francese che comprende anche la Peugeot – poi ci siamo accorti che i suoi tempi stavano migliorando in modo pazzesco quindi gli abbiamo fatto questa proposta. Temo però che, se dovesse vincere delle gare, Stefano voglia continuare la sua carriera di attore».

Accorsi Peugeot

Max Arduini (a sinistra) e Stefano Accorsi (a destra) con la loro Peugeot

L’avventura di Stefano Accorsi ha il sapore anche dell’abile mossa di marketing perché coincide con il lancio in gara della Peugeot “308 Racing Cup”, vettura da corsa derivata dal modello di serie 308 Gti, e con l’imminente prima televisiva di “Veloce come il vento”, su Rai Tre in data da definire. Già ordinabile sul sito della casa francese, proposta a piloti privati e team al prezzo di 74.900 euro più tasse, la Peugeot “308 Racing Cup” sarà sviluppata nei prossimi mesi per arrivare alla configurazione definitiva all’inizio del 2018. Monta un motore turbo a quattro cilindri 1.6 THP, potenziato di 38 cv per una potenza complessiva di 308 cv. Rispetto alla 308 stradale, la vettura guidata da Accorsi sarà inoltre più leggera di 180 kg con fascioni anteriore e posteriore modificati in funzione dell’aerodinamica.

L’AVVENTURA IN PISTA DIVENTERA’ UN VIDEO DI MATTEO ROVERE
Già venerdì Accorsi e Arduini saranno sul circuito di Adria, al via delle prove libere delle ore 16 e delle 18.30. Il regista di “Veloce come il vento”, Matteo Rovere, realizzerà un video sull’esperienza dell’attore bolognese alla guida della Peugeot. L’avventura dell’attore-pilota si rinnoverà in altre due gare del “TCR Italy Touring Car Championship”, riservato ad automobili da turismo da oltre 300 cavalli e vinto nel 2016 Roberto Colciago su Honda Civic: il 4 giugno a Misano, seconda corsa stagionale, e il 24 settembre a Vallelunga, sesta e penultima gara del campionato. «Poi vedremo» dice Stefano Accorsi. Anche se l’ultima tappa 2017, il 22 ottobre sul mitico circuito di Monza, ha un fascino davvero speciale: chissà se adrenalina e passione prevarranno su razionalità e prudenza.

PER SEGUIRE LA GARA DI ADRIA DEL TCR ITALY TOURING CAR CHAMPIONSHIP
Venerdì 5 maggio: prove libere alle 16 e alle 18.30
Sabato 6 maggio: prove ufficiali alle 10.50 e gara 1 alle 18.10.
Domenica 7 maggio: gara 2 alle 10.30.
Le due gare (da 25 minuti più in giro allo scadere del tempo) saranno trasmesse in diretta tv su Sportitalia, canale 60 del digitale terrestre e 225 di Sky, e in livestreaming su www.acisport.it.

Veloce come il vento

Matilda De Angelis e Stefano Accorsi in “Veloce come il vento”