Riccardo Stefani

Mirko Vucinic è stato uno dei protagonisti del nostro campionato fino a qualche anno fa, quando il 4 luglio 2014 ha ricevuto la chiamata dell’Al-Jazira accettata di buon grado lasciando la Juventus. Il suo soggiorno ad Abu-Dhabi è finito la scorsa estate e a trentaquattro anni il montenegrino diventa uno degli svincolati di lusso sul quale le squadre di serie B potrebbero posare lo sguardo in vista dell’imminente apertura del mercato. Nelle ultime ore, infatti, si stanno palesando diverse ipotesi, più vicine al gossip che non al calciomercato, che vanno a ficcanasare nel futuro dell’ex romanista. Una su tutte è l’indiscrezione circolata su un possibile ritorno in Puglia di Vucinic. Una scelta che, se fosse veritiera, potrebbe scatenare una vera e propria una guerra civile.

Apparizioni varie ed eventuali

A quanto pare c’è chi ha avvistato Vucinic in diversi punti della città di Foggia, preso nelle più svariate attività. Senza tra l’altro che il diretto interessato fosse realmente lì. Certo, ci si potrà sicuramente discolpare sostenendo che in fin dei conti il volto del ex juventino è abbastanza comune, ma in ogni caso Vucinic non era a Foggia. Non era in Puglia. Anzi, non era neanche in Italia per l’esattezza. Era in Montenegro, a Podgorica, a partecipare ad un evento di premiazione del miglior calciatore montenegrino.

Vucinic al Foggia? Sarebbe il colmo

Perché Foggia? Beh, per cominciare potremmo giustificare queste “apparizioni” di Vucinic in città come una sorta di provocazione operata dai tifosi rossoneri ai rivali del Lecce. Mirko Vucinic si è consacrato proprio in Salento al calcio che conta, notato dalla Roma forse per la sua tripletta alla Lazio del primo maggio 2005. A proposito di Roma e Lazio: se Vucinic andasse davvero al Foggia sarebbe un po’ come l’arrivo nella capitale di Kolarov. Anche perchè il montenegrino aveva giurato amore ai giallorossi pugliesi e più di una volta aveva dichiarato di voler tornare e chiudere la carriera a Lecce.

I PRECENDENTI DI VUCINIC

I cambi di maglia di Vucinic hanno comunque sempre fatto un po’ discutere. A Lecce nel 2006 non presero bene il suo addio, non solo perché in quell’anno la società stava smantellando l’intera rosa, ma anche perché Vucinic e Lecce sembravano due realtà legate a doppio filo. La sua esperienza a Roma lo porta ad alzare i suoi primi trofei, Coppa Italia e Supercoppa, a segnare diverse reti importanti e ad entrare nei cuori della maggior parte dei tifosi romanisti. Ma la sua partenza da Roma ha suscitato altre polemiche, vista soprattutto la destinazione; Torino, sponda bianconera. Alto tradimento. Come se effettivamente il montenegrino decidesse di accasarsi al Foggia. Vedremo come andrà a finire…