Matteo Muoio

Lo spunto è stato il trentesimo compleanno di Luis Suarez, da lì il sondaggio lanciato ieri dalla Uefa sul proprio sito ufficiale: quella del 1987 è la migliore annata – calcistica – di sempre? Probabilmente sì. Il “censimento” dei nomi racconta di una generazione formidabile, ricca di campioni e giocatori eccezionali in ogni reparto: su tutti Leo Messi, accompagnato dagli altri blaugrana Turan, Piquè e lo stesso Suarez, poi un altro prodotto della cantera catalana come Cesc Fàbregas. A Madrid c’è Benzema, a Parigi Cavani, in Italia ci godiamo Higuaìn, Hamsik, Mertens, Khedira e Bonucci. Questi i nomi più illustri, per un quadro completo riportiamo la lista fornita dalla Uefa, che ha ordinato i migliori ’87 in base al mese di nascita.  

– Gennaio: Jamie Vardy, Luis Suárez, Arda Turan
– Febbraio: Gerard Piqué, Edinson Cavani
– Aprile: Jan Vertonghen, Dimitri Payet, Sami Khedira, Joe Hart
– Maggio: Leonardo Bonucci, Cesc Fàbregas, Dries Mertens, Kevin Gameiro
– Giugno: Lionel Messi
– Luglio: Moussa Dembélé, Marek Hamšík
– Novembre: Marouane Fellaini
– Dicembre: Gonzalo Higuaín, Karim Benzema, Éder.

1987-migliore generazione

Messi e Suarez, 99 gol in due lo scorso anno

Volendo fantasticare una top 11 verrebbe fuori una corazzata da sogno. Con un 3-4-3 un po’ sbilanciato, schieriamo il torinese Hart in porta, protetto da Bonucci, Piquè e Vertonghen. Sugli esterni sacrifichiamo Hamsik e Arda Turan, in mezzo Khedira e Fabregas. Davanti Messi, Suarez e Higuaìn; delittuoso lasciare fuori Benzema e Cavani, ma tant’è.

Rivali: le leggende del ’76.

Per trovare un’altra generazione così ricca di talento e campioni bisogna fare un salto all’indietro di oltre 10 anni e guardare ai quarantenni del ’76.  Tra questi, tanti grandissimi attaccanti. Totti gioca ancora e tiene alta la bandiera, gli altri hanno smesso da un po’: fanno parte di questa eccezionale nidiata gente come Ronaldo il Fenomeno, el Chino Recoba, Shevchenko, Van Nistelrooy, Kluivert, e il il madridista Morientes. Tanta qualità anche in mezzo, con l’ex Arsenal Patrick Vieira, l’olandese Clarence Seedorf, l’eterno secondo Michael Ballack e il puma Emerson. Meritano menzione anche l’ex bandiera merengue Guti e l’oriundo Camoranesi. In difesa il miglior prodotto fu sicuramente Alessandro Nesta, in Italia si sono messi in evidenza pure Ivàn Cordoba e Roque Junior, oltre al campione del mondo Massimo Oddo. Nessun grande portiere, per simpatia citiamo nonno Kiraly, che ha appeso scarpini e pigiama al chiodo poche settimane fa.

1987-migliore generazione

Il Fenomeno

Proviamo a mettere in campo pure la top 11 del ’76, sempre con un favolistico 3-4-3: in porta Kiraly, dietro Nesta, Cordoba e Roque Junior. Mediana muscolare con Emerson, Vieira e Ballack per reggere il peso di un trequartista, Totti, a sostegno del tridente pesantissimo con Ronaldo, Van Nistelrooy e Sheva. Altra formazione incredibile, sintesi di un’annata splendida. La maggior abbondanza di soluzioni in alcuni ruoli dovrebbe però far pendere la bilancia della migliore generazione dalla parte del 1987. Tu chi scegli?

1987-migliore generazione

Totti palla al piede, Nesta sullo sfondo. I migliori ’76 italiani