Redazione

Alex Sandro può essere trasferito solo quando lo riterrà lui stesso. Parole di Beppe Marotta, nate per smorzare la polemica attorno ai continui assalti del Chelsea (ma non solo) per il terzino bianconero, ma che fanno suonare un campanello d’allarme in casa Juventus. Ciò significa che qualora il brasiliano chiedesse la cessione, la Juventus sarebbe pronta ad accontentarlo. Nulla di nuovo, per carità, la società di Corso Galileo Ferraris è sempre stata chiara al riguardo, non si trattiene nessuno a forza, che si chiami Bonucci o che sia l’ultimo ragazzino della Primavera. Il problema però, in un verso o nell’altro, se lo pone Allegri, che poi Alex Sandro deve schierarlo (o lasciarlo in panchina).

Due terzini con la valigia

La situazione della fascia sinistra della Juventus è abbastanza chiara, tira aria di rifondazione già da giugno, quando a fasi alterne Alex Sandro era già a fare le foto con Conte e Asamoah era stato avvistato attorno alla sede del Galatasaray. Poi, come succede spesso, c’è stato tanto rumore per nulla, ma i nodi, con la sessione di mercato aperta, stanno di nuovo tornando al pettine. Il brasiliano, più poi che prima, sarà libero di accasarsi con il Chelsea, mentre il ghanese dovrebbe andare a scadenza di contratto, nonostante qualche timido tentativo di Marotta e Paratici di negoziare un prolungamento almeno di un anno.

Rinnovare ad Asamoah…

Ecco il punto: la Juventus rischia seriamente di ritrovarsi con due terzini a mezzo servizio, almeno dal punto di vista dell’impegno. Per carità, sia Alex Sandro che Asamoah sono professionisti e di certo daranno fino all’ultima goccia di sudore per la maglia bianconera, ma non è così insensato ritenere che, anche inconsciamente, giocare con le valigie già in mano possa significare un calo delle prestazioni. Il senso del prolungamento che si sta pensando di offrire al ghanese risiede proprio in questo ragionamento, avere sulla fascia sinistra almeno un calciatore certo che, a meno di decisioni opposte da parte della società, il prossimo anno giocherà all’Allianz Stadium.

…per premunirsi da un addio di Alex Sandro

E se per Asamoah è una questione di cuore, quella di Alex Sandro è più complicata. Se il terzino ritenesse di essere trasferito verso fine mercato, quando rischia di diventare impossibile sostituirlo a dovere? A quel punto o la Juventus si cautela, acquistando subito un terzino in questa sessione (Emerson e Gayà sono le prime scelte), o, smentendo le parole di Marotta, il brasiliano verrà comunque trattenuto a Torino fino al termine della stagione. E quindi, rimarrebbe scontento, con tanto di possibile incognita sul rendimento, tanto più che l’alternanza varata da Allegri su quella fascia rischia di fargli perdere il posto nei 22 di Tite per il Mondiale, riconquistato a suon di prestazioni dopo anni di assenza dalla nazionale. Prestazioni che gli sono valse l’interesse del Chelsea. Ed ecco che il cane pian piano si morde la coda.