Nino Santarelli

Tutti pazzi per la Dea Atalanta. Con la vittoria al Mapei Stadium i ragazzi terribili di Gasperini hanno raggiunto la Lazio al quarto posto in classifica. I nerazzurri sono la rivelazione di questo campionato. Era dalla stagione 2000-2001 che la Dea, allora al terzo posto, non si trovava così in alto in classifica dopo 12 giornate. E pensare che dopo 5 turni di campionato l’Atalanta aveva raccolto solo 3 punti e, dopo la sconfitta casalinga contro il Palermo, era penultima, in piena crisi, con Gasperini a rischio esonero.

La svolta alla sesta giornata contro il Crotone

La svolta è arrivata grazie alla vittoria sul Crotone all’Adriatico di Pescara per 3-1. Era la sesta giornata. Da allora per i nerazzurri 6 vittorie, un pareggio e soprattutto solo due gol subiti. Un rendimento da squadra di vertice. L’Atalanta gioca bene e sta mettendo in mostra tanti giovani molto interessanti. La convocazione in nazionale, da parte di Ventura, di Roberto Gagliardini, centrocampista centrale, bergamasco classe ’94,  è meritata  e premia il lavoro fatto da tecnico e società in questi mesi. Grazie a Gasperini si stanno ritagliando uno spazio importante, oltre a Gagliardini, tanti giovani. Sta impressionando la personalità di Mattia Caldara, bergamasco anche lui classe ’94, centrale difensivo dal gran fisico e autore già di due gol. Un altro ’94 che si sta mettendo in mostra è il lecchese Andrea Conti, terzino, autore contro il Sassuolo del primo gol in serie A. Caldara, Conti e Gagliardini sono frutto del vivaio dell’Atalanta che ha sfornato negli anni tantissimi talenti.

atalanta giovani gasperini

Roberto Gagliardini, fresco di convocazione in Nazionale.

GIOVANI DI TALENTO: LA LISTA E’ LUNGA
Ma lista dei giovani che stanno facendo bene  tra i nerazzurri non finisce qui. Classe ’95 è Andrea Petagna, vivaio Milan, una prima punta di peso, alto 188 cm, tre gol quest’anno tra cui quello decisivo contro il Napoli. Altro ragazzo nel mirino di squadre importi è l’ivoriano Franck Kessiè, centrocampista centrale, con il fiuto del gol. Kessiè pur essendo giovanissimo ha avuto un ottimo impatto con la serie A. La lista dei ragazzi terribili di Gasperini si completa con Leonardo Spinazzola, centrocampista esterno, un ’93 scuola Juventus, in prestito dal club bianconero e con lo svizzero Remo Freuler, del ’92, centrale di centrocampo, molto affidabile. Tanti talenti fatti in casa per l’Atalanta o al massimo presi con la formula del prestito. I nerazzurri hanno chiuso infatti l’ultima campagna acquisti con il segno + grazie alle cessioni di De Roon al Middlesbrough(15 mln) e di Cigarini alla Samp (3,5 mln). Una gestione economica virtuosa con un monte ingaggi basso per la serie A: solo 12 milioni di euro netti corrisposti ai calciatori. Il più pagato è Paloschi con 1 milione di euro. Gasperini, il tecnico autore di questo miracolo, l’uomo che insieme ai suoi ragazzi sta facendo sognare un’intera città, guadagna 800 mila euro. Dopo la sosta per la nazionali l’Atalanta ripartirà dalla Roma. Come nel 2001 nerazzurri e giallorossi si sfideranno a Bergamo alla tredicesima giornata. E come 15 anni fa entrambe con sogni di gloria.