Luca Marchetti

di Luca Marchetti.  Ce l’eravamo detto qualche settimana fa che il PSG poteva non aver finito le spese in giro per l’Europa. E dopo le prime voci ed i rumors qualificati arrivano le prime conferme. Il PSG vuole prendere subito anche Mbappé. Dato per scontato che comunque il talentino francese prima o poi si trasferirà a Parigi (per l’anno prossimo è stato tutto definito) ora si prova ad accelerare per questa stagione.
Operazione complessiva da circa 220 milioni di euro perché nel pacchetto sarebbe previsto anche Fabinho, centrocampista sempre del Monaco. Il PSG, bontà loro, non dovrà tirare fuori tutti i soldi perché ci sarebbe anche una contropartita tecnica (Lucas Moura) ma immetterebbero sul mercato un’altra vagonata di milioni di euro che potrebbero avere delle ripercussioni anche in Italia.
A differenza di Neymar infatti stavolta il sostituto potrebbe essere italiano. Se il Barca si è indirizzato più su fronte Liverpool e Borussia, il Monaco, pur non avendo fatto anche nessuna mossa ufficiale, ha individuato fra gli altri Belotti come possibile sostituto.

Il Toro non è stato avvisato, ma questo non significa che non stia pensando già al piano B. Perché se veramente dovesse arrivare un’offerta da 80 milioni di euro in su o addirittura la clausola, starebbe solo al ragazzo dover dire di no. A fronte della Champions League e di uno stipendio nettamente più alto. Insomma sarebbe un colpo di scena a pochi giorni dalla fine del mercato. Ecco perché intanto il Toro potrebbe chiedere nella trattativa Ronny Lopes, esterno offensivo. E poi continua a tenere sempre vive le piste di Zapata e Niang. Per poi, eventualmente, chiarirsi le idee e decidere come investire il resto dei soldi in futuro, non necessariamente in giocatori, visti quanti sarebbero!

Per il momento siamo alle ipotesi. Si devono incastrare un po’ di tasselli. Ma le voci cominciano a girare, le strategie ad emergere. E il Torino non vuole farsi trovare impreparato.

PS poi, si dovesse verificare tutto, scopriremo anche come reagirà anche la Uefa…