Elisa Ferro Luzzi

E’ stata una settimana intensa per il calcio italiano visto anche il turno infrasettimanale di mercoledì. E di conseguenza è stata una settimana intensa anche per i social network, che hanno visto i “nostri” protagonisti di sfottò ma anche di risposte di un certo tipo agli insulti di alcuni tifosi.

Partiamo dagli ultimi fatti, ovvero la sconfitta del Milan contro la Sampdoria nel lunch match di domenica. In rete è partita una vera e propria gara al meme che più rappresentasse quanto successo a Marassi. Un solo vero unico bersaglio, riassumendo: Leonardo Bonucci, capitano rossonero e in estate accusato di tradimento a causa del passaggio improvviso dalla Juve al club meneghino. E contro la Samp assolutamente nel pallone. Ecco una piccola parte di quello che sta succedendo online:

Bonucci senza Chiellini e Barzagli sembra non sia poi così forte

 

Bernardeschi, Borriello e gli insulti dei tifosi

E’ stata una settimana molto intensa, dicevamo, per i calciatori soprattutto su Instagram. Soprattutto per Federico Bernardeschi: il giocatore, passato in estate dalla Fiorentina alla Juve, non ha resistito agli insulti dei suoi ex tifosi e si è scagliato contro di loro tramite il noto social network. Mercoledi, dopo il successo della Juventus contro la Fiorentina, aveva commentato sul proprio profilo social con un sobrio “+3”, il successo della sua squadra. Tanto è bastato per mandare su tutte le furie il popolo viola, che non gli ha ancora perdonato il ‘tradimento’ della scorsa estate, seppellendo il suo profilo con offese di ogni tipo. Profilo che è diventato anche teatro di scontri verbali tra tifosi di opposte. “Ok, mi trovo qui a dover sottolineare cose “dovrebbero” essere la base – ha scritto Bernardeschi su Instagram per tutta risposta – è vero, ma purtroppo a quanto pare neanche la base è più scontata ormai. Giocare un minuto e gioire comunque della vittoria della propria squadra (come mi è stato scritto NON E’ MANCANZA DI UMILTA’”!! Semmai l’esatto opposto! Non vorrei che da determinati commenti si possano trarre insegnamenti sbagliati! Sono anche un po’ stufo di tutta l’ignoranza del branco, gridata con due bestemmie e 4 parolacce a caso..che come messaggio lascia il nulla. Andiamo oltre i ragionamenti qualunquisti e basici”.

Anche Marco Borriello, qualche giorno prima, era esploso su Instagram. Rispondendo soprattutto a chi lo ha criticato a causa del trasferimento dal Cagliari alla Spal con un secco e categorico “Insultare me non renderà migliore te”. Probabilmente a irritare Borriello, che anche ieri è stato bersaglio di insulti (ma in faccia) dopo la partita persa con il Napoli, sono stati degli insulti ricevuti dai tifosi ospiti durante la partita persa in casa dalla Spal contro i rossoblu mercoledì. Una contestazione proseguita anche sulla piattaforma social, dove insieme ai messaggi di sostegno sono arrivate anche parole pesanti nei suoi confronti.  L’attaccante in estate ha lasciato Cagliari parlando di mancanza di motivazioni, ma è stato poi attaccato dal Presidente dei rossoblu Giulini, che lo ha accusato di essere andato via soltanto per guadagnare di più. Borriello ha sempre raccontato una verità diversa e per questo motivo non ha accettato gli insulti di chi poco tempo fa tifava per lui.