Redazione

I tifosi del Borussia Dortmund sono abituati agli addii eccellenti. Lewandowski, Götze, Kagawa, giusto per rimanere alle ultime stagioni. Eppure i ricambi sono quasi sempre stati all’altezza, se i gialloneri hanno continuato a ben figurare in Europa e spesso a insidiare i cannibali di Monaco di Baviera. Quest’anno però la magia pare aver funzionato a metà. Le partenze di capitan HummelsGündoğanMkhitaryan hanno portato parecchi milioni di euro alla società, ma hanno decisamente indebolito la squadra di Tuchel.

Lo testimonia la classifica, che vede gli uomini della Ruhr al quarto posto, dietro l’inarrivabile Bayern di Ancelotti, ma anche ad inseguire la sorprendente matricola Lipsia e l’Hoffenheim del giovanissimo mago Nagelsmann. Nello scontro andata e ritorno il Borussia rimane la solita mina vagante, come dimostra l’ottimo cammino europeo dei ragazzi di Tuchel, ma sulla lunga distanza qualcosa si è perso. Il grande ritorno di Götze è stato rovinato dalla miopatia (malattia del metabolismo) che sta tenendo fermo a tempo indeterminato il match winner della finale della scorsa Coppa del Mondo. Schürrle, strappato al Wolfsburg per 30 milioni, ha giocato soltanto 15 partite. Lo svedese Isak, arrivato a gennaio, sarà anche uno dei grandi prospetti del calcio mondiale, ma a diciotto anni ancora da compiere non è certo pronto per prendersi sulle spalle il peso della squadra.

A tenere a galla i campioni d’Europa 1997 sono il solito Pierre-Emerick Aubameyang, 32 reti in 35 partite tra campionato e coppe, e quello che sembra essere il migliore degli acquisti di questa stagione, quell’Ousmane Dembélé prelevato dal Rennes che a neanche vent’anni ha già collezionato cinque presenze nella nazionale francese. E se martedì per il Borussia ci sarà la prova del nove in Europa, al Signal Iduna Park contro il Monaco dei ragazzi terribili Mbappe e Bernardo Silva, bisognerà prima fare visita ai campioni di Germania, a quel Bayern Monaco che sembra lanciatissimo verso il quinto Meisterschale consecutivo. Anche i bavaresi avranno gli occhi puntati a mercoledì, quando dovranno sfidare il Real di CR7 e Toni Kroos, detentore della Champions’ League. Ma Ancelotti ha dalla sua parte i dieci punti di vantaggio sul Lipsia secondo, che con sole sette giornate ancora da giocare sembrano una dote abbastanza cospicua e difficile da sprecare.

I gialloneri invece non possono permettersi passi falsi. L’Europa che conta, o almeno i preliminari, non sembra minimamente in discussione. Colonia e Herta Berlino sono molto distanti, eppure il quarto posto non può certo accontentare società e tifosi. Probabilmente la lotta alla Champions diretta si deciderà alla trentaduesima giornata, quando il lanciatissimo Hoffenheim farà visita alla squadra della Ruhr, ma arrivare allo scontro diretto con troppi punti di svantaggio non è comunque consigliabile. Il labile confine tra stagione apprezzabile e inaccettabile fallimento passa per l’Allianz Arena. Non è certo la strada più semplice, ma il Borussia non può fare altro che mettere le gambe in spalla e affrontare la salita.

Gioca con noi, gioca con Intralot

Questi i nostri pronostici per il fine settimana di calcio internazionale. Per le quote, clicca sul banner di Intralot a inizio pagina. Buona giocata a tutti!

8/4/2017, ore 15:30 – RasenBallsport Lipsia – Bayer Leverkusen: 1, over 2,5, primo marcatore Forsberg

8/4/2017, ore 16:15 – Real Madrid – Atletico Madrid: x, under 2,5, primo marcatore Koke 

8/4/2017, ore 18 – Bayern Monaco – Borussia Dortmund: 1, over 2,5, primo marcatore Lewandowski

8/4/2017, ore 20:45 – Malaga – Barcellona: 2, over 2,5, primo marcatore Luis Suarez

9/4/2017, ore 17 – Everton – Leicester City: x2, under 2,5, primo marcatore Slimani

10/4/2017, ore 21 – Crystal Palace – Arsenal: x, under 2,5, primo marcatore Özil