Elisa Ferro Luzzi

“Maxi Lopez? Di Maxi ha solo il peso”. Parola di Sinisa Mihajlovic. Hanno fatto molto discutere a Torino queste dichiarazioni del tecnico granata nei confronti del biondo giocatore, escluso dall’elenco dei convocati per l’ultima partita con il Bologna a causa dei chili in eccesso. “Sono quattro mesi che stiamo cercando di rimetterlo in forma, ma senza nessun risultato” ha sottolineato il fumantino allenatore serbo, che pochi giorni prima si era rivolto sempre all’attaccante argentino con un delicatissimo “la lavatrice purtroppo c’è ancora” in riferimento alla sua stazza. Da Torino filtra la notizia che il buon Maxi abbia raggiunto il quintale e che Mihajlovic sia su tutte le furie. Lo avevamo immaginato.

maxi lopez grasso

Maxi Lopez immortalata dai giornali

Non solo Maxi: ecco gli altri calciatori oversize

Ma non è solo Maxi Lopez a vestire o ad aver vestito la taglia XL nel mondo del pallone. Sono diversi infatti i calciatori che hanno avuto problemi con il peso, i cosiddetti gordi (grassi in spagnoloche sono stati spesso al centro delle critiche di stampa e tifosi. Certo nessuno tecnico ci era mai andato così pesante pubblicamente, ma Miha è fatto così. Per fortuna non allenava lui Felipe Sodinha, ex calciatore di Brescia e Trapani che la scorsa stagione ha fatto parlare di sé per aver dato l’addio al calcio a soli 27 anni a causa di quella pancia che proprio non riusciva a buttar giù. Il bomber con la “panza”, il campione XXXL, Cicciobomba cannoniere: ai tempi in cui calcava i campi di serie B nessuno è riuscito ad andarci piani con le definizioni. Tutti però si sono trovati d’accordo su un aspetto: Sodinha era un fenomeno. “Un Renato Pozzetto con i piedi di Maradona” lo definì Gigi Maifredi, quasi un secondo padre durante l’esperienza al Brescia. Peccato che la pancia mai smaltita lo abbia costretto a smettere. Sodinha, che di sodo aveva solo il nome, con un post strappalacrime su Facebook decise di porre fine a questa tortura.

sodinha calciatore grasso

Sodinha, il bomber con la pancia

Di lui forse ci si dimenticherà presto visto che non ha calcato campi importanti. Quelli le cui “panze” non verranno mai dimenticate invece, quelli che rappresentano al meglio i fat boys players e il cui grasso in eccesso ha fatto parlare in passato, sono senza dubbio Ronaldo il Fenomeno, Adriano e Cassano.
Ronaldo
lo abbiamo visto di recente ingrassatissimo, ma anche negli ultimi anni in cui ha giocato a pallone non è che abbia offerto un’immagine migliore di sé. Ma c’è una spiegazione. Nel 2011 l’ex Fenomeno dell’Inter ha lasciato il calcio tra le lacrime, sottolineando di non poter più sopportare i vari problemi al ginocchio e di aver scoperto di essere affetto da ipotiroidismo. “Tutti i dolori che sento mi hanno fatto decidere di fermarmi in anticipo – dichiarò Ronaldo ai tempi -. Quattro anni fa ho scoperto poi di soffrire di un disturbo che si chiama ipotiroidismo e rallenta il metabolismo. Per tenere sotto controllo questo problema avrei dovuto prendere dei medicinali che nel calcio sono considerati doping”. Certo magari qualche cena di meno lo avrebbe aiutato a contenere il problema. Inequivocabile lo sfottò ricevuto da Michael Owen pochi giorni fa che, dopo averlo incontrato al Bernabeu insieme ad altre vecchie glorie madridiste, sul proprio profilo Twitter ha scritto “Pensavo di essere grasso, poi ho visto Ronaldo”.

ronaldo owen

Ronaldo decisamente ingrassato durante l’incontro di ex campioni al Bernabeu

Adriano. L’Imperatore. Della tavola. La stazza dell’attaccante brasiliano ha negli anni raggiunto livelli non consentiti, eppure ha continuato a giocare anche se non al top. Dopo l’incolore avventura al Miami United, Adriano ha di recente esternato il desiderio di tornare al Flamengo, club che gli diede nuovi natali dopo alcune annate all’Inter vissute al di sotto delle aspettative. Ma questo desiderio è stato immediatamente cancellato dalla realtà: in un video recentemente pubblicato dal rapper e amico MC Smith, lo stesso Adriano ha praticamente smontato la romantica ipotesi legata a una nuova parentesi al Flamengo, rispondendo ai complimenti del cantante con un laconico “sono grasso”.

Adriano ormai molto più che ingrassato

La pancia di Antonio Cassano è stata al centro di diverse polemiche soprattutto in Spagna. Il Talento di Bari Vecchia nel corso della sua carriera è stato sottoposto a diverse diete, ma alla fine i chili in eccesso sono sempre tornati. Ora che ormai è ai margini della Samp una certa “lievitazione” ci sta pure, ma Cassano cominciò ad avere problemi di questo tipo non appena messo piede al Real Madrid in cui fu accolto come talento e rispedito a casa come gordito. Al cibo ancora oggi fatica a rinunciare. “Il mio peso ideale è 83 chili ma a inizio stagione (la scorsa, ndr) sono arrivato alla Samp che ne pesavo 95, ora sono 83 ma so che posso ingrassare di 7-8 chili in un mese” ha dichiarato in un’intervista al Corriere della Sera nel febbraio del 2016.

cassano pancia real

Cassano ingrassato ai tempi del Real

“FATTY” FOULKE IL GIOCATORE PIU’ GRASSO NELLA STORIA
Se andiamo molto indietro nella storia, come ci piace fare nella nostra sezione Old Style, troviamo un reperto archeologico di tutto rispetto. Stiamo parlando del giocatore forse più grasso della storia, o comunque del primo che ha suscitato un certo scalpore a causa della sua stazza. Stiamo parlando di William “Fatty” Foulke, portiere che grazie ai suoi 140 kg distribuiti su circa 2 metri di altezza si guadagnò il primo coro della storia del calcio simpaticamente intonato dai tifosi contro un giocatore della propria squadra. “Who ate all the pies? You, fatty bastard” (“Chi ha mangiato tutte le torte? Tu, ciccione bastardo”) il coro partorito dai supporters dello Sheffield United, squadra in cui ha militato dal 1894 al 1905. Eppure la carriera di Fatty non fu così umiliante: il portiere conquistò infatti una First Division e due Coppe d’Inghilterra. E collezionò anche qualche presenza in nazionale. Un armadio in porta in effetti poteva far molto comodo ad una squadra di calcio a quei tempi. Aveva però il vizio, durante le partite, di appendersi alla traversa e piegarla tirandola in giù. Abitudine persa quel giorno in cui spaccò la traversa a metà, causando la sospensione della partita.

william fatty foulke grasso

William “Fatty” Foulke, il giocatore più grasso della storia