Luca Marchetti

E’ la notizia che è arrivata in tarda serata. Non una novità assoluta. Ma comunque un bel passo in avanti che dà l’impressione di quanto la Juventus ora non voglia perdere tempo. Sono cominciate le grandi manovre di avvicinamento a Douglas Costa. Ben consapevoli che non sarà una trattativa semplice (ci sono PSG, Zenit e anche un sondaggio Inter) la Juventus ha rotto gli indugi e ha iniziato a dialogare costruttivamente con il Bayern Monaco.

Stiamo parlando di un giocatore valutato circa 50 milioni di euro e già con un ingaggio da top player: bisogna puntare sulle motivazioni, sul prestigio della Juve (di certo non inferiore a quello del Bayern), sugli spazi che sicuramente saranno superiori in bianconero che in Germania (soprattutto se dovesse arrivare anche Alexis Sanchez). Ci vorrà tutta la diplomazia di questo mondo, forse anche un po’ di pazienza. E sicuramente una buona sponda da parte del giocatore.

Ecco perché la Juve non molla Bernardeschi, anzi. Qui la problematica è rappresentata maggiormente dalla posizione della Fiorentina, che non vanta ottimi rapporti con la Juve. Ma il giocatore al momento ancora non ha comunicato se intende rinnovare il contratto o meno (lo farà dopo l’Europeo U21) anche se la sua scelta sembra già fatta. La Fiorentina però sa benissimo quanto vale il suo gioiello e per meno di 40 milioni non se ne parla neanche. Forse neanche bastano. Anche perché Bernardeschi ha ancora due anni di contratto: chi vuole il numero 10 viola insomma sa che non sarà una passeggiata.

Bernardeschi

Federico Bernardeschi

Di sicuro la Juventus ha rotto gli indugi e comincia a fare sul serio. Un top player per la fascia e per dare ad Allegri un’arma in piùDouglas Costa (brasiliano) sa giocare su tutto il fronte d’attacco, preferisce partire dalla fascia. Ha un grande talento, naturale. Mancino, ma sa far bene anche sull’altra fascia. Buon feeling con il gol (ne ha fatti 7 la stagione appena finita), ma anche con gli assist (9). Sa saltare l’uomo, anzi è quello che ha fatto più volte in Bundesliga. E’ quello che vuole Allegri. Ma attenzione a non scartare a priori Bernardeschi. Perché se il cartellino è ugualmente costoso ha un ingaggio nettamente più basso e anche l’età è dalla sua parte. I rapporti con la Fiorentina non sono buoni, come detto. E questo è un problema che dovrà cercare di risolvere Bozzo, che sta cercando di avvicinare le parti.

Poi toccherà al centrocampista centrale. E anche qui c’è un piccolo incastro perché se la Juve chiude con Douglas Costa (extracomunitario) non potrà tesserare Fabinho. Quindi eventualmente sarà “via libera” per N’Zonzi: ecco i primi intrecci. La Juve comincia a fare sul serio.