Nino Santarelli

Passi avanti piuttosto importanti. L’incontro di ieri sullo Stadio della Roma in Campidoglio è stato lungo e positivo. La Roma ha illustrato nel dettaglio il progetto con la proiezione di diapositive. E’ stata una spiegazione capillare per far capire al vice sindaco Frongia, agli assessori Berdini (urbanistica) e Meleo (trasporti), e ai consiglieri comunali presenti, cosa rappresenta il progetto stadio e come si compongono le varie parti. Al termine di questa illustrazione i rappresentati del Comune hanno sollevato le loro obiezioni evidenziando quali sono le criticità dal loro punto di vista. Tutto questo però con un atteggiamento estremamente collaborativo.

Lo studio di impatto Economico e Sociale de La Sapienza

L’intenzione del Campidoglio è di portare avanti il progetto d’intesa con i proponenti e nel rispetto dei tempi previsti dalla Conferenza dei Servizi, come ha dichiarato al termine dell’incontro il vice sindaco Daniele Frongia. L’idea del Comune è molto chiara: ridurre le opere pubbliche previste nel progetto e diminuire la cubatura del Business Park. Questa mattina abbiamo parlato con un rappresentante del Comune, ieri presente alla riunione, e ci ha detto che è stata questa la proposta avanzata dall’assessore Berdini alla Roma. L’obiettivo del Campidoglio è molto preciso e da ieri è stato comunicato ufficialmente anche alla Roma. Le parti torneranno a vedersi a breve. C’è grande ottimismo.

Se le indicazioni di Berdini verranno accolte dai proponenti a strettissimo giro la partita si chiuderà in maniera positiva. Questo ci assicurano dal Campidoglio. In tal modo il Movimento 5 Stelle darebbe il via libera a un progetto meno impattante sull’area di Tor di Valle, che verrebbe nel giro di pochi anni riqualificata. Movimento 5 Stelle con non si è mai detto contrario allo stadio della Roma. Mai. Da valutare, ovviamente, l’impatto di queste richieste per i proponenti. Meno opere pubbliche vuol dire meno “torri”, il core business di tutto il progetto. L’impressione tuttavia è che tutto sia vicino a svolta positiva, sia per la Roma che per il Campidoglio.