Redazione

Ore molto calde in casa Inter. Dall’Inghilterra rimbalza la notizia che Candreva sarebbe a un passo dal Chelsea, pronto a sborsare 27 milioni di euro pur di assicurarsi l’esterno dell’Inter. La reazione in casa nerazzurra? Ottima: plusvalenza e addio a un calciatore che, per vari motivi, non è mai entrato nel cuore dei tifosi.

Gli interisti lo hanno già venduto…

Candreva lontano da Milano non genera stati d’ansia. L’amore fra l’esterno e i tifosi dell’Inter non è mai sbocciato del tutto. Qualche ghirigori di troppo e diversi cross sbagliati, non compensano la generosità e l’attaccamento alla maglia. La soluzione Chelsea, per lui, è apprezzata sopratutto dai… tifosi. Appare frettoloso, nonché ingrato, liquidare un calciatore che è in orbita azzurra, ma la sensazione è che l’amore sia finito dallo scorso anno, quanto l’esterno ha vissuto, come molti altri, una stagione nata male e finita peggio. Il problema è che con Spalletti non sembra cambiato: troppe finte e veroniche eccessive e fini a se stesse che influiscono sui tempi di gioco. Se fosse meno barocco, la mole di lavoro diventerebbe premiante. I numeri dello scorso anno lo condannano:200 cross, 11 assist per Icardi. Quanto basta, però, per Antonio Conte che ne apprezza la duttilità tattica e lo spirito di sacrificio.

Soldi che finanzierebbero nuovi acquisti?

La strada per Schick è diventata improvvisamente in salita: Ferrero non vuole un prestito con diritto di riscatto, ma soldi. Tutti e subito. Probabilmente il presidente della Sampdoria va a caccia di aste, considerato l’interesse della Roma e del Dortmund. L’Inter si sottrae al gioco al rialzo e punta un nome a sorpresa. Keita Balde. Anche per fare un dispetto alla Juventus. Il ragazzo vive una situazione quanto mai complessa.

Keita, imprigionato dalle dinamiche di mercato.

Il senegalese ha da tempo un accordo di massima con la Juventus. Il cambio di modulo scelto da Allegri ne ha reso, però, inutile l’acquisto. La Juve lo considera un’opportunità, più che una necessità. Il ragazzo è e resta in rottura con la Lazio. Se Candreva partisse per 27 milioni di euro, Sabatini potrebbe avanzare l’offerta per l’esterno senegalese, particolarmente adatto al gioco di Spalletti. Corsa, dribbling, fiato e talento al servizio della squadra. Immaginarlo al posto di Schick in un tridente con Icardi e Perisic non sarebbe una cattiva idea. Un’ulteriore indizio: Sabatini cerca, sin dall’inizio del mercato, un esterno che faccia gol. Beh, sembra proprio che tutte le strade portino a…Roma