Redazione

Il trio delle meraviglie non tradisce le attese. Il PSG cala il tris (Neymar, Mbappé e Cavani ) e la risposta è immediata: 5-1 sul campo del Metz, con tutti a segno. Prima gioia anche per Mbappè, ma il fenomeno, quello vero, è e resta Edison Cavani.

Al centro dell’attacco e del progetto

Cavani, restituito al ruolo di attaccante centrale è tornato…Cavani. El Matador è esaltato dal tridente più completo al mondo: due esterni in grado di puntare l’uomo, saltarlo, arrivare alla conclusione e cercare la via del gol. Un centravanti che attacca lo spazio con fisicità e precisione quasi chirurgica. Neymar e Mbappè hanno una tecnica di base straordinaria e probabilmente giocano a calcio, da un punto di vista squisitamente tecnico, anche molto meglio di Cavani. Nessuno dei due, però abbina fisicità, freddezza sotto porta e capacità di svariare lungo l’intero fronte offensivo.

Cavani è il più decisivo

Cavani è rapidissimo, di gambe e pensiero: concilia lo strapotere fisico a un senso della posizione invidiabile. “Sente” la porta e realizza in tutti i modi: di piede, di testa, da fermo. Ha dribbling, agilità, corsa, fiato e resistenza. Unica controindicazione: non è molto partecipe al gioco, né allo scambio con i compagni. Con il tempo si è “incattivito” in un egoismo che lo rende spietato negli ultimi sedici metri ma meno produttivo nella partecipazione alla manovra. Ecco perchè con Mbappè e Neymar, più abili a dialogare e a costruire gioco rispetto all’uruguaiano, il PSG ha l’attacco più forte del mondo.

Una stagione da…tripla cifra. Ma in Europa?

Se il buongiorno si vede dal mattino, questo PSG è destinato a sforare la quota 100 gol stagionali. Del resto, la competitività del campionato francese non è paragonabile a quella delle altre leghe europee. L’unico rischio, adesso, è che la Ligue si riveli un campionato poco allenante. Una cosa è affrontare il Metz, un’altra le difese delle corazzate europee. La Champions, però, insegna che l’attacco atomico prevale sulla difesa di ferro. Quindi il progetto di Emery viaggia sui binari più logici.