Redazione

La Champions inizia bene per le squadre italiane. La Dinamo Kiev, eliminata dallo Young Boys, libera una slot per la Roma che passa dalla quarta alla terza fascia. Un’ottima notizia per i giallorossi che evitano cosi, almeno parzialmente, il rischio di finire un girone di ferro.

Sorride anche il Napoli, che, alla luce dei risultati emersi in serata, avrà un preliminare piuttosto comodo. Gli azzurri giocheranno contro un avversario abbordabile. Steaua Bucarest, Istambul, Young Boys od Hoffenheim. Nessuna può essere, oggettivamente, un ostacolo insormontabile per le ambizioni della squadra di Sarri.

Hoffenheim e Nizza: mine vaganti da evitare

Da evitare i francesi: la squadra più completa ed entusiasta. Seri, Balotelli, Plea e Cyprien e tanta voglia di stupire. I francesi praticano un 4-2-3-1 molto offensivo e spettacolare. Difficilmente, però, ci sarà ancora Dalbert. Lo stantuffo a sinistra è destinato all’Inter. Un problema in meno per Sarri. L‘Hoffenheim è meno talentuosa, ma tedesca. Quindi ostica. Gioca un calcio piuttosto scolastico ma assolutamente redditizio. La sua vera forza è Naglesmann, allenatore di soli 30 anni e assoluta rivelazione del calcio tedesco. Occhio all’attacco:Kramaric e Gnabry sono due potenziali top player. Nel complesso, però, un avversario abbordabile.

Le avversarie da pescare

Young Boys insidiosi, ma suvvia. Hanno già incrociato in Napoli in Europa League e non è stato un incontro piacevole. É anche vero che l’Europa che conta è tutta un’altra cosa e gli azzurri la affronteranno con spirito diverso. Capitolo Steaua Bucarest: una squadra gloriosa, ma oltre alla storia è rimasto pochino. Appena uscita da un fallimento, i romeni hanno diversi problemi da risolvere e non hanno le carte per impensierire il Napoli.

Discorso identico per l‘Istanbul Basaksehir. É la squadra di Under, neo acquisto giallorosso. Incuriosisce, più che altro, la storia nata nel 2014 dall’Istanbul Buyuksehir, la squadra comunale. Passato a privati, adesso è una realtà importante del campionato turco. Si, non abbastanza da poter impensierire il Napoli.