Redazione

Dopo la sorprendente sconfitta casalinga contro il Crystal Palace, il Chelsea di Antonio Conte ritrova il pubblico dello Stamford Bridge per un mercoledì che sa più di Champions’ che di Premier League. A far visita ai Blues è infatti il Manchester City di Guardiola, uscito dall’Europa agli ottavi di finale e che non può permettersi passi falsi se vuole garantirsi la possibilità di riprovare l’assalto alla Coppa dalle grandi orecchie. Per entrambi gli allenatori si tratta di una sfida che rappresenta più un rischio che un’opportunità, mentre le dirette concorrenti sperano di recuperare qualche punto a una delle due.

Campagne acquisti simili per Chelsea e Citizens, con i milioni di sterline dei diritti TV spesi per grandi protagonisti della scorsa Premier (Kante e Stones), calciatori presi da altri campionati (Marcos Alonso, indispensabile ormai nello scacchiere di Conte, e lo sfortunato Gundogan, il cui infortunio ha segnato l’inizio dei problemi di Guardiola) e qualche piccolo grande abbaglio (i 40 milioni spesi dal Chelsea per Batshuayi o i 20 del City per Bravo). Anche l’obiettivo iniziale era lo stesso, ma l’adattamento di Pep al calcio inglese è ancora in corso, mentre Antonio da Lecce è ormai condottiero avvezzo a lunghe e faticose campagne e si è subito calato nella parte. Complice anche la Champions’, che ha di certo disperso un po’ delle energie dei mancuniani, la distanza tra le due squadre è di undici punti, che a nove giornate dalla fine rischiano di essere un solco incolmabile.

Ma Guardiola non tira i remi in barca e arriva a Londra per vincere, riavvicinarsi al Chelsea e soprattutto superare il Liverpool e staccare i cugini dello United. Il terzo posto per il City è l’obiettivo minimo, dover accedere alla Champions’ correndo di nuovo il rischio del preliminare è un’esperienza che Manchester preferirebbero non ripetere. Oltre alle due rivali dirette della squadra di Aguero e soci, di certo questa sera ci saranno altri spettatori interessati. Il Tottenham va in Galles a far visita allo Swansea, ma sicuramente Pochettino e i suoi saranno con un orecchio vigile a captare qualsiasi notizia arrivi da Stamford Bridge. Una sconfitta del Chelsea significherebbe ridurre a quattro le lunghezze di distacco, ma agli Spurs potrebbe andar bene qualsiasi risultato, anche un pareggio o una vittoria dei londinesi. Sempre a patto che portino via i tre punti dalla città del Gigante Buono John Charles.

Si preannuncia comunque un match scoppiettante. Negli ultimi quindici precedenti tra le due squadre, solo due volte si sono segnati meno di due reti. La partita di andata ha visto il Chelsea corsaro all’Etihad con il punteggio di 1-3, ma nelle ultime due giornate di campionato Conte ha raccolto una vittoria con lo Stoke e una sconfitta casalinga con il Crystal Palace. Guardiola ha fatto anche peggio, ma i due punti sono frutto dei pareggi con Arsenal e Liverpool, squadre che sono sempre in grado di creare problemi a chiunque. Di certo è lecito attendersi grandi duelli, a distanza e non. Hazard contro De Bruyne, Diego Costa contro Aguero, ma anche FabregasSilva. Lo spettacolo non dovrebbe mancare, gli occhi del calcio sono tutti puntati su Londra. Antonio e Pep non vorranno certo tradire le attese…

Gioca con noi, gioca con Intralot

Questi i nostri pronostici per la serata di Premier League. Per le quote, clicca sul banner di Intralot a inizio pagina. Buona giocata a tutti!

Arsenal – West Ham United: 1, under 2,5, primo marcatore Sanchez

Hull City – Middlesbrough: 1x, over 2,5, primo marcatore N’Diaye 

Southampton – Crystal Palace: x, over 2,5, primo marcatore Benteke

Swansea City – Tottenham Hotspurs – 2, over 2,5, primo marcatore Alli

Chelsea – Manchester City: 1x, over 2,5, primo marcatore Alonso

Liverpool – AFC Bournemouth: 1, over 2,5, primo marcatore Firmino