Redazione

Rieccoli. Quarantatré giorni dopo la finale di Champions League di Milano, Cristiano Ronaldo e Antoine Griezmann si troveranno di nuovo uno davanti all’altro in un’altra finale, quella europea. Per il francese dell’Atletico Madrid, capocannoniere di Euro 2016, è l’occasione di rifarsi della gara persa contro il Real e di provare ad insidiare proprio il portoghese per la conquista del Pallone d’Oro.

Ronaldo in questo Europeo ha segnato solo tre gol ma decisivi: doppietta con l’Ungheria nella fase a gironi e  lo splendido colpo di testa con il Galles in semifinale.

 

Ha inoltre eguagliato il record di reti nel torneo che apparteneva a Michel Platini da 32 anni. Senza contare che nell’ultima stagione, con la maglia del Real, ha messo a segno 51 gol in 47 partite. Oltre a conservare in bacheca ben tre Palloni d’Oro.

Griezmann, che nella graduatoria guidata da CR7 e Platini è quarto, è in testa alla classifica cannonieri di questo Europeo con 6 reti con tanto di doppietta alla Germania.

A Milano, in finale di Champions, gli andò malissimo: l’errore dal dischetto nei tempi regolamentari è costò all’Atletico Madrid. Ora, quindi, ha voglia di rifarsi.

Portogallo-Francia sarà la sfida del fuoriclasse assoluto contro il talento che vuole affermarsi campione: nel 2014, mentre Ronaldo alzava la Champions a Lisbona, Griezmann segnava 20 gol con la maglia della Real Sociedad attirando su di sé l’interesse dell’Atletico Madrid. Che lo acquistò ed ebbe ragione di farlo: 25 gol il primo anno, 32 il secondo, leader assoluto della squadra allenata da Simeone e della nazionale francese. Entrambi portano sulle spalle il numero 7, saranno loro i protagonisti assoluti della sfida che andrà in scena domenica a Parigi e probabilmente anche a gennaio a Zurigo, quando verrà assegnato il prossimo Pallone d’Oro.