Redazione

Donnarumma, ragazzo d’oro. Pronto a raccogliere l’eredità di Gigi Buffon in nazionale. E non solo. I guai del Milan, che se non entra in Champions dovrà privarsi di uno o due top player, giocano tutti a favore della Juventus che ha il potere economico necessario per presentare un’offerta che il Milan non potrà rifiutare.

Szczesny non convince

Buffon lascia e Szczesny non convince sino in fondo. Pesa, eccome, sulla valutazione, l’errore clamoroso commesso contro il Benevento. Un problema tecnico. Il pallone può scivolare dalle mani, la “papera” rientra nel gioco. Non saper piazzare una barriera, però, è imperdonabile. È una questione tecnica. É anche vero che sostituire Buffon è impossibile. Di Gigi ce n’è uno e come lui, probabilmente nessuno. Szczesny è (o era) considerato all’altezza, senz’altro più di Neto. Non a caso il portiere polacco ha già accumulato un discreto numero di presenze in funzione delle partite giocate. Quattro maglie da titolare su dodici partite non sono poche. Anzi, esattamente un terzo del totale. Roba che Neto neanche osava pensare. Ovvio che, in cambio della fiducia, si pretenda affidabilità. É vero che anche i grandi sbagliano, ma questa non è una disattenzione. É un errore tecnico, una lacuna. Inaccettabile a certi livelli.

Donnarumma, il pezzo da “90” milioni?

Da un Gigi a un altro? Potrebbe succedere. Specialmente se il Milan non riuscisse a centrare l’obiettivo Champions e avesse bisogno di risanare il bilancio. Ecco dunque che il rischio c’è, ed è evidente. La Juve non avrebbe grossi problemi a staccare l’assegno, né a pagare l’ingaggio. Resta da capire la volontà di Gigio, che già la scorsa estate è stato ad un passo dal lasciare il Milan. La frattura si è ricomposta, ma la sensazione è che il pezzo da 90 possa essere proprio lui. Un eventualità che si può allontanare solo con la forza dei risultati. Un Milan in Champions e quindi in salute economica, può persino permettersi di “fare la spesa” in casa della Juventus. Fuori dall’Europa che conta, invece, toccherà mettersi alla cassa. E sperare che Gigio non accetti.