Matteo Muoio

Giorni fa il clamoroso trasferimento di Bernardo Silva al City per 80 milioni ci dava lo spunto per raccontarvi un po’ del folle mercato di Premier. Bene, nemmeno il tempo di bilanciare con qualche spunto nostrano o spagnolo che la vicenda prende pieghe surreali: Guardiola ha scelto e comprato il suo nuovo portiere, il brasiliano Ederson Moraes, proveniente dal Benfica. Ai lusitani vanno 35 milioni di sterline – circa 40 milioni di euro – che fanno dell’ex Rio Ave il secondo portiere più pagato al mondo dopo Buffon, pagato 53 milioni dalla Juve – parzialmente ammortizzati dal cartellino di Jonathan Bachini – nel lontano 2001. Era un altro mercato quello, a fare la voce grossa erano le italiane. Singolare comunque che subito dopo il Gigione nazionale venga Ederson, che da titolare, ad alti livelli, ha giocato una sola stagione, quella appena conclusa.

Quest’anno ha tenuto la porta inviolata in 11 occasioni nel campionato portoghese

Ederson Moraes: mister 40 milioni

Brasiliano, classe ’93 nasce a Osasco, provincia di San Paolo e si forma calcisticamente proprio nel Tricolor. Nel 2010 viene prelevato dal Benfica e girato in prestito al Ribeirão, nella terza divisione portoghese. Le aquile decidono di non puntarci e nell’estate del 2011 lo cedono al Rio Ave, dove gioca tre stagioni diventando titolare nel 2014-2015. Le buone prestazioni gli valgono le prime chiamate nell’U.23 verdeoro e, soprattutto, il ritorno di fiamma del Benfica, che nell’estate 2015 lo riporta a Lisbona per meno di un milione di euro. Pensate che plusvalenza hanno realizzato. Inizia addirittura nella squadra B, poi diventa il secondo di Jùlio Cèsar che gli concede una ventina di presenze tra campionato e coppe, sufficienti a strappare la convocazione in Nazionale per la Copa Amèrica Centenario poi saltata per via di un infortunio. Quest’anno Rùi Vitòria lo ha promosso titolare e l’ex San Paolo ha ripagato con un rendimento di altissimo livello, rendendosi grande protagonista nel double – campionato e coppa nazionale – centrato dai suoi.

Ederson ai tempi del Rio Ave

EREDE DI JULIO CESAR?
L’investimento del City non è affatto giustificato ma il mercato dei blu di Manchester non fa più notizia: basti ricordare come per tre estati consecutive abbiano infranto il record di spesa per un difensore centrale con elementi come Mangala, Otamendi e Stones. Di certo il nome di Ederson stona nella top 5 dei portieri più pagati di sempre, visto che dietro di lui viene gente come Neuer, Toldo e De Gea. Comunque, ormai è lì e dobbiamo conoscerlo meglio. Classico portiere brasiliano, reattività esplosiva e presa da migliorare, Rùi Vitòria lo ha paragonato al portiere che ha scalzato, definendolo il nuovo Jùlio Cèsar per il riflesso e le capacità in uscita. In realtà somiglia più al romanista Alisson. Buon fisico – 188 cm – e piede educato – fondamentale per Guardiola -, in Portogallo ha fatto la voce grossa sulle palle alte; sarà da valutare l’impatto col calcio inglese e con gli scontri fisici cui sono soggetti i portieri in Premier.