Matteo Muoio

Mercato di gennaio al via, i primi colpi sono già stati ufficializzati, Rincon e Pavoletti su tutti. Obiettivi comuni nella Capitale, con Roma e Lazio alle prese con le partenze di Salah e Keita per la Coppa d’Africa e la necessità di trovare esterni offensivi in grado di non farli rimpiangere. Ricky Massara, ds dei giallorossi, segue da vicino Musonda del Chelsea e Jesè Rodriguez, ex canterano del Real da 6 mesi in forza al Psg di Emery, dove non sta trovando spazio. Dall’altra parte del Tevere, Tare sembra aver definitivamente accantonato le suggestioni estive legate a Cerci e Ntep e continua a seguire da vicino Cafù del Ludogorets, cui la vetrina Champions ha fatto lievitare il prezzo del cartellino.

El Ghazi, un nome per due

Nelle ultime ore, però, ad entrambe è stato accostato il nome di Anwar El Ghazi dell’Ajax. Classe ’95, olandese da genitori egiziani, tra i migliori prodotti del formidabile vivaio lanciere negli ultimi anni. E’ in rotta col club e con l’allenatore Peter Bosz che in autunno l’aveva messo fuori rosa, una vera occasione di mercato se si pensa che lo scorso anno, di questi periodi, il prezzo del suo cartellino sfiorava i 20 milioni; s’erano informati i dirigenti del Milan ai tempi della trattativa con Mr.Bee. L’esordio tra i professionisti con De Boer nella stagione 2014/2015, conclusa con 9 gol e 5 assist in 31 presenze, lo scorso anno la consacrazione con 11 gol e 8 assist in 27 presenze; di mezzo la convocazione e l’esordio in nazionale maggiore nell’ottobre 2015. Quest’anno qualcosa sembra non funzionare, il feeling col nuovo tecnico, come detto, non è mai sbocciato e  il ragazzo sente di aver fatto il suo tempo all’Amsterdam Arena. L’Ajax è disposto a cedere, per 10-11 milioni può partire. La Roma lo segue dallo scorso anno con Sabatini, Tare ne ha parlato con Jorge Mendes – El Ghazi è nella scuderia Gestifute – qualche giorno fa a Dubai, col potente procuratore portoghese che si è pure accaparrato la mediazione per provare a vendere Keita all’estero, magari allo United dell’amico e assistito Mourinho.

EL GHAZI: CARATTERISTICHE TECNICHE
Destro di piede, fisicamente ricorda il laziale Kishna per via dei 189 centimetri di altezza, ma rispetto all’altro ex Ajax risulta estremamente più rapido ed efficace. Velocità e dribbling sopraffino, unite ad un bagaglio tecnico eccellente e a capacità balistiche assolutamente considerevoli: 9 dei suoi 20 gol sono arrivati da fuori. A destra o a sinistra non fa differenza, struttura fisica ed eccellente fiuto del gol hanno fatto sì che lo scorso anno De Boer lo schierasse occasionalmente come prima punta, con buoni risultati. Non è un solista, cerca i compagni ed è bravo nel mandarli in porta, calcia ed esulta come Ronaldo, si ispira a lui.  C’è da lavorare sulla testa e smussare gli angoli di un carattere molto forte, ma Inzaghi e Spalletti hanno già dimostrato di essere maestri in materia. El Ghazi è un talento assoluto, ha messo in mostra colpi da potenziale top player e l’età è assolutamente dalla sua parte. E’ il momento migliore per prenderlo, dovesse veramente scatenarsi un derby di mercato una delle romane potrebbe piazzare il miglior colpo di questa sessione.