Redazione

Felipe Anderson è l’unico giocatore che milita nel nostro campionato a rientrare nella lista dei 18 convocati dal Brasile per le Olimpiadi di Rio. I tre fuori quota (23 anni compiuti) sono Neymar, il portiere Fernando Prass e Douglas Costa.

Il ct Rogerio Micale ha stilato la lista dei 18 nomi per l’Olimpiade di casa dopo lunghe trattative con i club, in particolar modo quelli europei. Essendo i Giochi al di fuori delle “date Fifa”, le società non sono obbligate a cedere i propri giocatori. La Lazio è quindi furiosa, Marcelo Bielsa vorrebbe Anderson a disposizione dall’inizio del ritiro di Auronzo di Cadore. Il giocatore è invece con la mente già a Rio de Janeiro. “Giocare le Olimpiadi è sempre stato uno dei miei sogni – ha cinguettato su Twitter -. Sono troppo felice per questa chiamata a difesa del mio Brasile. Un sogno non potrà mai realizzarsi senza sacrifici”. Il sacrificio, attualmente, è l’inizio di stagione con la Lazio.

 

Nell’elenco figurano anche Neymar e Douglas Costa, dicevamo. Spazio anche al talento emergente del Palmeiras Gabriel Jesus. Altre conoscenze del calcio europeo sono Marquinhos, ex Roma, e Rafinha, mezzala del Barcellona. Assente il portiere della Roma Alisson, che a lungo è stato considerato tra i papabili. Non c’è Thiago Silva perché il Psg già si è privato di Marquinhos.Brasile

In panchina averebbe dovuto esserci Dunga

Micale, già responsabile dell’Under 20, è stato chiamato in fretta e furia a guidare ufficialmente la Selecao olimpica. Si era già seduto in panchina durante alcune partite della nazionale under 23, ma a Rio avrebbe dovuto esserci Dunga. Che dopo il flop in Copa America ed il successivo esonero è stato allontanato anche dai Giochi.

Alle Olimpiadi il Brasile non ha mai vinto l’oro. Debutterà il 4 agosto contro il Sudafrica a Brasilia. Poi, il 7, sempre nello Stadio Nazionale di Brasilia, affronterà l’Iraq. La chiusura della prima fase per il Brasile sarà contro la Danimarca il 10, questa volta a Salvador, Fonte Nova Arena.