Mattia Deidda

Dirlo può sembrare folle. Eppure ogni tifoso napoletano lo ha pensato. Insigne-Mertens-Callejon come Maradona-Carnevale-Giordano. Premessa: paragonare giocatori di epoche differenti è un’attività inutile. È cambiato il modo di intendere il gioco, è cambiato il ritmo, sono cambiati i modi e le tecnologie di allenamento. Non si parla di un paragone tecnico ma emotivo. Sono i due terzetti che hanno regalato più emozioni. Quello capitanato da Maradona ha portato il miglior periodo della storia partenopea, quello attuale sembra sulla giusta via per ripercorrere la stessa strada.

I VECCHI DEI

Due scudetti, una Coppa Italia una Supercoppa ed una coppa UEFA. Maradona con Carnevale e Giordano a portare il primo tricolore a Napoli. Poi sempre l’argentino con Carnevale e l’aggiunta di Careca a regalare il primo trofeo europeo ed il secondo scudetto. Nel mezzo il trio Ma.Gi.Ca, composto da Maradona, Giordano e Careca.

LO SCUDETTO NON È UN MIRAGGIO

Il Napoli non può nascondersi. Insigne-Mertens-Callejon sono un tridente incredibile. Perfetto sotto l’aspetto dell’equilibrio tattico, micidiale per quanto riguarda la finalizzazione. In Italia altre squadre posso schierare grandi tridenti, ma nessuno affiatato come quello partenopeo. Rapido, tecnico, omologato. C’è solamente un modo per sostituire Maradona in una rosa: costruire una grande squadra. Ed il Napoli ce l’ha. A fine anni 90 el Pibe de Oro guidava la squadra verso il successo. Oggi gli azzurri sono una delle principali candidate per lo scudetto.

TRE + UNO

Quando si parla di Napoli ci si sofferma sempre sul gioco, per poi terminare parlando dei tre attaccanti. Hamsik merita più spazio mediatico. Centrocampista unico, come è unica la sua capacità di leggere l’azione. Tiro da fuori o inserimenti, il gol non manca mai (113 da quando a Napoli) così come gli assist (107). Il Napoli degli anni 90 poteva contare su uno dei più grandi fuoriclasse di questo sport. Quello di oggi può fare affidamento su una coralità che poche squadre in Europa hanno. Insigne, Mertens, Callejon e Hamsik sono tutti giocatori in grado di andare in doppia cifra, i primi due anche in grado di superare la soglia dei venti gol. Calciatori che giocano insieme da anni: il processo di crescita è arrivato al termine. Il Napoli è pronto per aprire un nuovo ciclo di successi e sfidare Maradona.