Redazione

E’ tutto pronto per la sfida di oggi pomeriggio. L’Italia contro la Spagna, negli ottavi di finale di Euro 2016, non parte certo favorita. Ma non sempre vince il migliore. Ecco il pronostico dei nostri opinionisti.

Maurizio Compagnoni:
“Ci vuole un’impresa. Non tanto perché la Spagna dal 2008 in poi è la nostra bestia nera ma per l’oggetto va superiorità tecnica dei nostri avversari. Se mettiamo a confronto le due formazioni la differenza è palese. Pronostico chiuso? No perché al di là del fatto che in una partita secca può accadere di tutto, l’Italia si è presentata a questo Europeo nel modo giusto, con una squadra solida, umile che è pronta a superare le proprie carenze qualitative con la determinazione di chi non ha nessuna intenzione di arrendersi. Sarà fondamentale tenere il risultato in equilibrio. Gli spagnoli di noi non di fidano e arrivare al secondo tempo anche soltanto in parità potrebbe destabilizzare i nostri avversari. Credo che sarà una partita a copione consolidato con la Spagna a gestire il possesso palla e gli azzurri coperti e pronti a ripartire. Se non prendiamo gol nella prima mezz’ora può accadere di tutto. Anche se loro sono decisamente più forti”.

Massimo Piscedda: 
“Italia Spagna, sfida proibitiva . Lo dicono i precedenti e le statistiche . Proprio per questo credo sia il momento di cambiare pronostico. Sono fiducioso sul fatto che l’Italia darà il massimo. La grande umiltà italiana contro la sicurezza (a volte troppa) dei spagnoli. Vinca il migliore , a volte non risulta il più bravo”.

Stefano Impallomeni:
“A testa alta. Conte ha fatto miracoli. Ne serve un altro. Se la Spagna si specchia troppo e si incarta non trovando le proverbiali imbucate in contropiede possiamo far male in stile Belgio. Altrimenti se la Spagna fa la Spagna e noi siamo quelli visti con Svezia e Irlanda non ci salva neanche il Padre Eterno e sarà Itaexit. Forza azzurri!”