Mattia Deidda

Primi problemi in casa Juve. Dopo l’infortunio di Marchisio, si ferma anche Khedira. Il tedesco non ha potuto allenarsi con la nazionale per un problema al ginocchio. Ancora incerti i tempi di recupero, ma a Vinovo qualcosa si sta muovendo. Anche se i due  dovessero tornare in tempi brevi, la Juventus prova a ragionare sul lungo periodo. Tre competizioni da affrontare con l’obbligo di vincere tutto. Necessario allungare il centrocampo, il reparto più fragile della squadra.

Tanti nomi e poco tempo

Un giorno al termine del calciomercato. Portare un centrocampista di valore a Torino sarebbe un autentico miracolo. Ci prova Marotta. L’ultima trattativa intrapresa è per André Gomes. L’idea del dirigente bianconero, è quella di portare il portoghese ad Allegri con la formula del prestito con diritto di riscatto. Il Barcellona, però, sarebbe disposto a privarsene solamente a titolo definitivo. La richiesta è da capogiro: 50 milioni.

Effetto domino

La speranza di Marotta è l’inizio di un effetto domino che parte da Coutinho. Il talento del Liverpool sembra sempre più vicino al Barcellona. Con i soldi ottenuti dal trasferimento del brasiliano (si parla di 160 milioni), il Liverpool può portare Sanches ad Anfield. Nel Bayern Monaco di Ancelotti non c’è spazio per il centrocampista, e la squadra di Klopp sarebbe una meta più che gradita. Felice la Juventus. Il Liverpool a centrocampo ha già acquistato Naby Keita, che si aggregherà alla rosa il prossimo anno. Aggiungere anche Sanches non farebbe felice Emre Can. In scadenza il prossimo anno, Marotta può sfruttare la situazione, e convincere il tedesco a vestire bianconero ad un prezzo accessibile.

Attenzione al presente

Con Khedira e Marchisio fuori dai giochi, il centrocampo bianconero è composto da Pjanic, Matuidi, Sturaro e Bentacur. Prima del derby contro il Torino, dove si spera di recuperare Marchisio, la Juventus affronterà Chievo, Sassuolo e Fiorentina, più il Barcellona in Champions League. Con Allegri che sembra indirizzato a continuare con il centrocampo a due, vicino Pjanic si giocano il posto Matuidi e Sturaro. Bloccata la cessione di Asamoah, in caso di emergenza il centrocampo a tre è un’opzione, con anche Cuadrado pronto a sacrificarsi.