Redazione

Le strane strade del mercato bianconero vanno e vengono da Parigi. L’addio di Dani Alves, accasatosi poi al Parco dei Principi, ha lasciato un buco nella rosa bianconera. È arrivato De Sciglio, ma serve un altro ricambio su quel lato di campo, perchè l’italiano è in netta crescita ma dietro di lui si sta spalancando un vuoto che spaventa un po’ i tifosi bianconeri. Howedes è…Howedes, tanto talento, ma muscoli di seta. Il tedesco starà fermo ancora un po’ e risulta difficile contrare su di lui. Quella di Lichtsteiner è un’altra situazione in divenire e comunque lo svizzero dovrebbe guadagnarsi il reintegro in lista Champions. E quindi le strade portano di nuovo a Parigi, verso Thomas Meunier.

Meunier al PSG è chiuso da Dani Alves

Che in teoria al Paris Saint-Germain era il titolare, prima che l’effetto verdeoro portasse Neymar e soprattutto l’ex juventino Dani Alves in riva alla Senna. E il belga, ex Bruges, si è dovuto arrendere allo straripante compagno di squadra, cedendo il posto nell’undici di partenza di Emery. In campionato è stato schierato otto volte, non abbastanza per una continuità di prestazioni. Il che sarebbe un problema fino ad un certo punto, se non fosse che a giugno il Belgio volerà ai mondiali e che la concorrenza di Vertonghen, che nel Tottenham è titolare inamovibile, rischia di fargli perdere il posto anche in nazionale.

Emery non avrebbe problemi a sostituirlo…

E quindi l’arrivo a Parigi di Dani Alves, da problema può trasformarsi in risorsa per la Juventus, che ora sta approcciando Meunier per capire se ci sono margini per portarlo a Torino. E margini sembrano essercene, perchè il calciatore è uno degli scontenti della rosa del PSG. Nonostante le parole di Emery, che non prevede cessioni a gennaio, tenere in squadra qualcuno che vuole andarsene è sempre controproducente. E l’allenatore dei parigini, in caso di addio del belga, non dovrebbe neanche arrovellarsi troppo per cercare una riserva affidabile nel ruolo: ha Marquinhos, che può tranquillamente sostituire Dani Alves, se dovesse presentarsi questa necessità.

…e il belga può giocare la Champions

Ma la Juventus guarda a Meunier per un altro motivo, forse ancora più importante. L’esterno del PSG è uno dei pochi terzini di alto livello che, arrivando a gennaio, potrebbe essere schierato in Champions. Pur portandolo sempre in panchina, Emery non lo ha mai impiegato nei match europei per neanche un minuto, cancellando la pregiudiziale che avrebbe impedito ad un’altra squadra di inserirlo nella lista UEFA per la fase ad eliminazione diretta. Averlo a disposizione da subito, permetterebbe inoltre ai bianconeri di guardare immediatamente anche alla cessione di Lichtsteiner a gennaio, l’ultima chance di ricavare qualcosa dall’addio dello svizzero. Una soluzione che alla fine potrebbe fare comodo a tutti. E chissà che alla fine, al buon Dani Alves, non arrivi il ringraziamento della Signora, che da lui si è sentita sedotta e abbandonata.