Redazione

L’indiscrezione arriva potente in un momento di calma apparente. La Juventus, ancora alla ricerca dell’erede di Leonardo Bonucci, avrebbe trovato un accordo con Kostas Manolas, difensore della Roma in attesa di rinnovo contrattuale, e potrebbe presto far partire la sua offensiva ufficiale nei confronti della società giallorossa, forte della volontà del giocatore. Nulla di nuovo sotto il sole, l’interesse dei bianconeri per il centrale giallorosso è risaputo, ma il fatto che Marotta e Paratici possano decidere di forzare la mano e di iniziare una trattativa vera e propria è un po’ un fulmine a ciel sereno. Cielo che, neanche a dirlo, si apre alla sola idea. Ma non soltanto a Roma, dove è anche lecito immaginare del malcontento. Anche a Torino, dove questa possibilità non trova il favore di parte della tifoseria.

manolas roma

Kostas Manolas

Cominciamo dalla Capitale. Manolas, ventisei anni compiuti da poco, ha un contratto in scadenza nel 2019 e discute da mesi con la società per un rinnovo a cifre molto più sostanziose di quelle percepite attualmente. In realtà ad un certo punto le negoziazioni si erano interrotte, perchè il greco era praticamente ceduto allo Zenit di Mancini. Ma poi un cambio d’idea repentino ha riportato Manolas a Trigoria, mentre il suo compagno di reparto Rüdiger salutava per accasarsi al Chelsea. Una possibile cessione è comunque rimasta un’opzione non da escludere totalmente, almeno finchè il presidente Pallotta non ha dichiarato che il centrale nato a Naxos rimarrà in giallorosso.

Ora potrebbe arrivare questa offerta da Torino, la peggiore immaginabile per Monchi e compagnia bella. Al limite, un addio del greco potrebbe anche essere metabolizzato in caso di cessione all’estero e di acquisto pressochè immediato di uno o due centrali di pari livello. Ma vedere anche Manolas, dopo Pjanic, in bianconero, rischierebbe di causare parecchi malumori in una piazza già agitata per il tira e molla su Mahrez. L’impressione è che Monchi, in caso di offerta della Juventus, possa sedersi, ascoltare e declinare gentilmente. La squadra è quasi fatta e ritrovarsi di nuovo con una coppia di centrali da tirar su da zero sarebbe un azzardo troppo grande anche per un mago come l’andaluso. I difensori nel 4-3-3 di Di Francesco rappresentano l’ago della bilancia. E il passo da Colonne d’Ercole a semplice palizzata rischia di essere breve.

marotta manolas

Beppe Marotta e Fabio Paratici, gli uomini mercato bianconeri

Alla Roma, quindi, una cessione non conviene, sia per problematiche tecniche che ambientali. E alla Juventus? Anche qui, non mancano le stoccate alla società, anche solo davanti alla remota possibilità che si punti sul greco. Che viene considerato pigro, non adatto al gioco bianconero e anche sopravvalutato. Manolas per Bonucci? No grazie, potendo, i tifosi bianconeri si sarebbero tenuti a vita l’ex numero 19. Al punto che qualcuno, evidentemente più arrabbiato degli altri, ha addirittura paventato l’ipotesi di chiedere le dimissioni di Marotta in caso di acquisto del numero 44 giallorosso. I soldi, si mormora nelle case bianconere, vanno spesi altrove, magari a centrocampo. E i soldi non sarebbero pochi, perchè a parte la poca disposizione della Roma nei confronti della Juventus, impossibile pensare che si possa partire da meno di 35 milioni di euro. Che molti preferirebbero veder investiti per qualche altro obiettivo.

Ma è evidente, il mercato è così. Basta una voce, un’indiscrezione, a scatenare il panico tra tifosi e addetti ai lavori. Date le premesse, questa pseudo-trattativa sembra morta prima ancora di iniziare. E in fondo il problema è esattamente quello. Che in questo mercato folle e bulimico, spesso le cose più improbabili sembrano a tutti molto più reali di quelle concrete.