Redazione

Una fine settimana da incorniciare in casa Juventus. In bianconero e in rosa. Sia la squadra maschile che quella femminile conquistano vittorie fondamentali. La “Women” in particolare, mostra il volto migliore di sé, andando a vincere 4-0 sul campo del Brescia e ipotecando lo scudetto. Un’impresa super per una squadra che è stata fondata pochi mesi fa.

Una squadra nata da corazzata

Altro che Vecchia Signora: la Women è una squadra appena nata, ma che ha i cromosomi tipici bianconeri. Vincere non è importante, ma è l’unica cosa che conta. Non a caso, la società bianconera, sebbene sia al suo primo anno di attività, è stata ammessa direttamente nella massima serie. E sta dominando in lungo e in largo il campionato. Sette vittorie in altrettante partite, 20 gol fatti e appena due subiti. Una marcia trionfale e inarrestabile, che sta seminando il malcontento all’interno della massime serie femminile. La Juventus è entrata con prepotenza sul mercato, dotandosi di una struttura professionale. Ha così raccolto i migliori talenti di tutta Italia e monopolizzato il mercato. Scorretto? In realtà la società bianconera ha aperto una strada da seguire. Sta alle altre, adeguarsi allo standard imposto da Torino. Proprio come è avvenuto nel calcio degli uomini a partire dagli anni Venti del secolo scorso.

Le “Juventus Women” fanno solo del bene al movimento

Una Juventus così fa solo che del bene al movimento. Adesso una giovane appassionata di calcio che sogna la maglia bianconera, sa che il suo sogno è possibile. L’ingresso della Juventus, fra l’altro, spinge le grandi società ad investire sul calcio femminile. Già diverse piazze come Empoli, Verona, Roma e Sassuolo hanno incrementato gli sforzi. Tutto molto bene: è necessario che le giocatrici siano messe nelle condizioni di sviluppare le loro potenzialità. In questo senso, l’introduzione del professionismo e l’ingresso della Juventus (che ha rilevato il titolo sportivo del Cuneo) sono stati passi indispensabili per la crescita del calcio in rosa, che, non a caso, adesso ha suscitato l’interesse anche delle TV. La Rai trasmetterà le dirette di una partita a settimana: una svolta fondamentale per l’intero movimento. Che grazie al bianconero, può avere un futuro…a colori.