Redazione

Allarme rossonero. Il centrocampo è già in riserva. Spia accesa. Franck Kessie, con la Sampdoria, ha giocato una delle sue peggiori partite in serie A.

I contrasti persi con Torreira…

I numeri della partita sono impietosi: 54 palloni toccati, 11 persi. Il centrocampista ivoriano ha sofferto il pressing e la corsa dei blucerchiati. L’instantanea delle difficoltà incontrate sono legate a…Torreira. Il minuscolo (al confronto) centrocampista doriano ha più volte rimontato recuperato e persino spostato in corsa Kessie. A parità di condizione, la statua d’ebano rossonera sarebbe uscita vincitore dal confronto fisico e il minuto uruguaiano (167 per 60 kg) ritrovato al confine con la Francia.

Il problema è anche di gioco

Il guaio è che Montella non può sostituire Kessiè. É legato, mani e piedi al suo centrocampista. L’unico che per caratteristiche non ha ricambi in rosa. Ed anche il solo che garantisca alla squadra un equilibrio fondamentale. In sintesi: impossibile pensare a un Milan senza Franck Kessiè. É l’unico vero mediano di rottura presente a Milanello, nonché ago della bilancia delle prestazioni rossonere. Se lui non gira, il Milan affonda. Se viene travolto, il Milan crolla. Inevitabile: l’ivoriano corre per due, contrasta per tre, copre i buchi lasciati dai compagni. E fatica da inizio luglio in un ruolo particolarmente dispendioso, costretto come è, anche da un impianto di gioco rivedibile, a rincorrere uomini e pallone.

Stupisce chi si stupisce: e adesso?

Kessié così giù di corda è triste a vedersi. Lento, impalpabile in fase di costruzione del gioco, travolto in interdizione. Il problema, oltre al calo fisico, sono le alternative. Mauri non è all’altezza. Altri che possano coprire quel ruolo, non ce ne sono. Dunque? Senza dubbio Montella potrà fare a meno di lui contro Rijeka in Europa League ma è impensabile rinunciarvi contro la Roma, quando, fra l’altro si ritroverà contro Radja Nainggolan. Uno che sul piano fisico non teme confronti. Ecco, appunto: o Kessiè recupera fiato e condizione o la serata di domenica sarà veramente complicata.