Redazione

V per Valencia. No. V per Vendetta. Spalletti è furioso con la società spagnola e adesso restituisce il “favore”: in primis multando di 200 mila euro Kondogbia. Poi, bloccando la partenza di Murillo. Tutto molto chiaro: chi non si adegua alla linea, paga. E, visto che Kondogbia proprio freme dalla voglia di raggiungere la Spagna, vada pure. Purchè sia la chiave per aprire un…Cancelo.

Murillo in partenza? Fermi tutti…

Era tutto fatto. Cifre, ingaggio e durata del contratto. Niente. Fermi tutti. Jesun Murillo rimane a Milano. Almeno sino alla prossima settimana. Firmato Spalletti. L’allenatore ha bloccato un affare praticamente chiuso. La spiegazione è (anche) tecnica: l’infortunio di Ranocchia ha complicato i piani del tecnico toscano che non vuole affrontare le prime due giornate di campionato con un solo centrale a disposizione.  Una scelta sulla carta ineccepibile. Non è cosi azzardato, però, pensare che la presa di posizione del tecnico nasca da un atteggiamento poco gradito. Il Valencia ha parlato prima coi calciatori e non con la società. Una scelta che ha inasprito e irrigidito una posizione già molto dura, giunta al limite dell’intransigenza dopo che gli spagnoli hanno forzato la mano su Kondogbia, ormai “prendibile”.

Tutto nasce dalla “kondogbiata”

I maligni, questa volta, non sembrano lontani dalla realtà: immaginano, non a torto, che la reazione del tecnico toscano nasca dalla “kondogbiata” risalente a venerdì scorso. La storia è arcinota. Il calciatore vuole andare a Valencia e, probabilmente mal consigliato, non si presenta all’allenamento. Il centrocampista, tornato al “Suning Center” per chiarire la situazione e, magari, accelerare la trattativa, si è ritrovato di fronte a un brusco stop. Decurtate 200 mila euro dallo stipendio e messo fuori rosa sino a nuovo ordine. E chiaramente, l’ultima parola spetta all’Inter. L’ennesima riprova che al “Suning Center” l’aria è cambiata. E un comportamento al limite dell’accettabile è punito con la multa più salata possibile. Il centrocampista francese ha dovuto prendere atto e…conciliare.