Redazione

Un peso all’Inter, decisivo a Valencia. Forse serviva solo saperlo prendere per il verso giusto. Tant’è. Kondogbia, in Spagna, sembra un altro giocatore. Contrasta, corre, riparte imposta ed è diventato il fulcro del centrocampo ed un idolo indiscusso del Mestalla.

Cosa è successo?

La domanda è lecita? Qual è il vero Kondogbia? Quello abulico e svogliato dell’Inter o questo di Valencia? L’unica certezza è che sia accaduto ciò che si temeva. Il ragazzo, lontano da Milano, è esploso e qualcuno adesso si sta mangiando le mani. Del resto i dubbi erano legittimi: le qualità del calciatore sono note e le potenzialità andavano solo estrapolate. Spalletti ci ha provato sino all’ultimo, quando il francese ha scelto di “autoescludersi”. E adesso lo vede giocare benissimo altrove. Un vero peccato, considerando che “questo” Kondogbia sarebbe stato il giocatore adatto per coprire quel buco a centrocampo difficilmente colmabile. Le caratteristiche fisiche del francese sono perfette per ciò che richiede il gioco di Spalletti. Leve lunghe, difficilmente superabile, abile in interdizione quanto nell’impostazione. Il profilo perfetto, insomma, per stare accanto a Borja Valero costretto a un lavoro “multitasking” che lo penalizza lo stanca. Rendendo prevedibile la manovra nerazzurra.

Nessun rimpianto?

É il caso di rimpiangerlo? Inutile chiedersi cosa sarebbe successo: con i se e i ma non si scrive la storia di un’Inter che comunque, anche senza l’apporto del centrocampista, è riuscita comunque a tornare competitiva. Meglio guardare il bicchiere mezzo pieno: e consolarsi con il possibile tesoretto in arrivo. Non tutto il male viene per nuocere. C’è sempre un risvolto della medaglia. La rinascita di Kondogbia garantirà alle casse nerazzurre qualcosa come 25 milioni di euro da reinvestire, possibilmente, sul mercato, dove la società ha già individuato la soluzione ideale: Torreira della Sampdoria. Valutato, appunto la stessa identica cifra che che frutterà la cessione a titolo definitivo del francese. Un peccato, comunque.