Mattia Deidda

A poche ore dalla delicata sfida di campionato contro il Torino, l’attenzione della Lazio si sposta sull’Europa League. Lo Steaua Bucarest sarà l’avversario che i biancocelesti affronteranno nei sedicesimi di finale. Vietato sottovalutare l’incontro, ma al tempo stesso sarebbe un grave errore considerarlo più difficile di quanto è: la Lazio parte favorita. Inzaghi ha dimostrato più volte di tenere alla competizione, schierando nei momenti di difficoltà (e non solo) i titolari della squadra. Con l’arrivo del nuovo anno, poi, la rosa è pronta ad allungarsi: nessun colpo di mercato, solamente i ritorni a pieno regime di Felipe Anderon e Wallace, i veri assi nella manica per la competizione europea, ma anche per il campionato.

Linea verdeoro

Mai come in questa stagione, la Lazio ha una rosa abbastanza profonda per affrontare tre competizioni senza costringere agli straordinari qualche giocatore. Attualmente in un leggero calo di forma fisica, con il nuovo anno Inzaghi conta di migliorare la squadra con il ritorno a pieno regime di Felipe Anderson, Wallace e Nani. I brasiliani sono gli uomini su cui il tecnico punterà maggiormente. Se non fosse stato per gli infortuni, entrambi avrebbero iniziato il campionato da titolari, e difficilmente a questo punto della stagione sarebbero usciti dal campo. Inzaghi, quindi, si ritrova tra le mani due titolari da inserire in campo. Due calciatori che hanno già regalato le giuste garanzie per poter essere considerati affidabili. Anche se venissero utilizzati in campionato anziché in Europa, il discorso non cambia. I tifosi guardano l’Europa League con estrema fiducia: il tecnico può schierare una grande formazione senza perdere di vista il campionato.

Lazio, attenta a quei due

Impossibile analizzare con precisione che tipo di avversario affronterà la Lazio nei sedicesimi. In due mesi (andata il 15/02) può accadere qualsiasi cosa, partendo dalla sfortuna legata agli infortuni fino ad una condizione fisica non calcolata esattamente per arrivare all’impegno nel migliore dei modi. In linea di massima, però, la Lazio inizia la gara da grande favorita. I rumeni, attualmente secondi in campionato, si sono appena ripresi da un periodo negativo (due sconfitte consecutive) che gli ha fatto perdere il primo posto in classifica. Da tenere sotto osservazione principalmente Gnohéré e Tanase. Il primo francese, il secondo rumeno: insieme formano la coppia d’attacco titolare della squadra. In due, fino ad oggi, hanno messo a segno ventisei gol in venticinque gare giocate insieme.