Elisa Ferro Luzzi

Marcello Lippi è alla guida della Cina da pochi mesi ed ha già centrato un risultato storico: la sua Nazionale, infatti, ha battuto la Corea del Sud nella gara valida per le qualificazioni al Mondiale del 2018. Si tratta del secondo successo in più di trent’anni ottenuto dalla Cina contro la Corea del Sud. L’ultimo e fino a questo momento unico è datato febbraio 2010. Con questa vittoria la squadra di Lippi non solo sconfigge la “Koreaphobia” ma abbandona l’ultimo posto del gruppo asiatico: adesso è quinta con 5 punti, lontana appena 4 dall’Uzbekistan terzo quando mancano ancora quattro partite al termine delle qualificazioni. Guidano la classifica Iran con 11 punti ( 5 partite disputate) e Corea del Sud (10 punti e 6 partite).

cina lippi

I giocatori cinesi festeggiano lo storico successo

Cina-Corea del Sud tra tensioni politiche e storia

Spalti gremiti all’Helong Stadium fra pubblico e polizia viste le recenti tensioni politiche fra i due paesi. Colpa della Corea del Nord e dei suoi test missilistici che hanno convinto i cugini del Sud a richiedere l’aiuto degli americani con l’installazione del sistema antimissilistico Thaad. Il fatto ha generato un grosso incidente diplomatico causando in Cina il boicottaggio di tutti i prodotti targati Sud Corea: musica, film, cartoni animati e generi alimentari. Per questo la capienza dello stadio di Changsha è stata ridotta da 55mila a 31mila posti, con un dispiego impressionante di forze armate (11 mila uomini) che ha reso il match  fra i più blindati della storia.

Lo stadio cinese Helong

Cina e Corea del Sud, prima della partita di ieri, si erano affrontate per 31 volte: 18 vittorie coreane, 12 pareggi ed un successo cinese. Il primo confronto ufficiale andò in scena nel 1978 agli Asian Games in Thailandia, e in quel caso la Corea trionfò per 1-0. Nel febbraio 2010 agli East Asian Football Championship la Cina, allora era guidata da Gao Hongbo (il ct che è stato esonerato in favore di Lippi) riuscì finalmente a porre fine allo strapotere coreano con una schiacciante vittoria per 3-0 grazie alle reti di Yu Hai, Gao Lin e Deng Zhouxiang. I primi due oggi giocano in Super League, con le maglie di Shanghai Sipg e Guangzhou Evergrande. Ma le gioie calcistiche cinesi terminarono lì: nel 2013, con lo spagnolo Camacho in panchina, finì 0-0 sempre agli EAFF Championship, mentre due anni più tardi, nella stessa manifestazione, la Corea di Alain Perrin si impose 2-0. L’ultimo confronto ha avuto luogo il primo settembre 2016, ancora una volta con Gao Hongbo, ma questa volta la storia non si è ripetuta e a Seul è finita 3-2 per i padroni di casa. Capite bene cosa rappresenti in questo momento per i cinesi il successo di Lippi.

LA CINA HA PARTECIPATO AD UN SOLO MONDIALE
Lippi che ora ha qualche possibilità di centrare la qualificazione ai Mondiali in Russia. La Cina ha partecipato a un solo Mondiale, quello di Giappone-Corea del Sud 2002 che noi italiani ricordiamo molto bene soprattutto per lo scellerato arbitraggio di Byron Moreno nei nostri confronti. Ai cinesi non andò altrettanto bene: la squadra non riuscì a segnare neanche un gol e venne eliminata al primo turno. Dopo questa storica qualificazione e il secondo posto nella Coppa d’Asia casalinga del 2004, la nazionale cinese è entrata nella peggior crisi di risultati della sua breve esistenza, non riuscendo a qualificarsi ai gironi finali asiatici di qualificazione per i Mondiali del 2006 e del 2010 e, nonostante la vittoria nella Coppa dell’Asia orientale del 2010 e alcuni buoni risultati in amichevole negli ultimi anni, non riuscendo a centrare la qualificazione nemmeno per i Mondiali 2014.