Redazione

Le grandi squadre si costruiscono dalla difesa. E in questa ottica il Milan ha un’ottima base: Mateo Musacchio, nuovo leader della linea arretrata rossonera. Montella impazzisce per lui e gli sta costruendo attorno il resto…

Musacchio, primo acquisto della nuova era

Mateo Musacchio, per certi versi, ha già scritto la storia del Milan: è il primo acquisto della proprietà cinese di Yonghong Li. Non esattamente il top player che fa sognare i tifosi, ma un calciatore di assoluto rendimento. Fisico da centrale difensivo e piedi da centrocampista, l’ideale per Vincenzo Montella, che lo ha preteso a tutti i costi. Per accontentarlo, la società ha staccato un assegno da 18 milioni di euro, il primo di una lunghissima serie. Diciotto milioni sono tanti soldi, soprattutto per un difensore; Musacchio, però, non è uno qualsiasi. Si parla di un giocatore che va sempre oltre la sufficienza ma che ha una controindicazione: troppi infortuni muscolari. Affidato alle cure di Milan Lab, dovrebbe però recuperare in fretta dai problemi che lo condizionano e mantenersi sano per il resto della stagione. Colpisce la semplicità con cui si è inserito nel gruppo. Musacchio trasuda carisma e non a caso è già il leader difensivo della squadra.

musacchio

Mateo Musacchio durante una delle amichevoli estive

Montella punta alla difesa a tre

Ottimi interventi in anticipo. Senso della posizione, gran controllo di palla. Nella prima gara che contava, Musacchio ha risposto presente, guidando compagni spaesati (Abate) o in evidente difficoltà (Zapata). Centrale a destra o a sinistra, per l’italo-argentino è assolutamente indifferente, il rendimento non cambia di una virgola. Mutano, invece, eccome le condizioni della difesa rossonera. Montella ha già in casa uno come Romagnoli e con l’arrivo di Bonucci vuole ricomporre la linea e trasformarla nel suo adorato terzetto. Del resto, le caratteristiche dei difensori si sposano benissimo: piedi buoni, velocità, dinamismo e fisico. Serva qualcuno che legga il gioco e sappia prevenire, piuttosto che curare situazioni scabrose. Identikit che porta dritto a Leonardo Bonucci. Fisico, personalità e piedi buoni. Il Milan riparte da dove serviva: dalla difesa. E in attesa di definire il gran colpo lì davanti, Musacchio si inserisce di diritto nella categoria “acquisti azzeccati”.