Redazione

Mirabelli è stufo di Montella, ma il tecnico rossonero, sinora si è aggrappato a tutte le scialuppe possibili. Ha salvato due volte la panchina. Prima a Verona, poi a Reggio Emilia. A Napoli ha perso, ma costruendo uno dei Milan più sterili della storia, incapace di giocare un pallone che sia uno, nei primi 45′ in area partenopea. Quanto basta per tornare punto e a capo. Il tecnico è di nuovo in bilico, complice anche alcune scelte perlomeno discutibili.

Il caso Rodriguez

Fra i tanti casi destinati a far discutere c’è anche quello legato a Ricardo Rodriguez. Montella continua a sacrificarlo. E Mirabelli ne ha abbastanza: lo svizzero è uno dei fiori all’occhiello del mercato rossonero. Uno dei migliori esterni sinistri (merce rarissima) in circolazione viene relegato in panchina contro il Napoli e costretto spesso a giocare come centrale difensivo di una difesa a tre. Al di là dell’ennesima rivoluzione di Montella, resta da capire perchè Rodriguez giochi ancora centrale difensivo e, soprattutto, perchè non abbia giocato a Napoli. Possibile che una semplice influenza possa abbattere un calciatore straripante per fisicità? Cosa ha fatto, lo svizzero, per meritarsi questo trattamento? Derby a parte (non è poco ma non si può crocifiggere così un calciatore), Rodriguez è quasi sempre stato uno dei migliori (o uno dei pochi a salvarsi) quando è sceso in campo.

Un talento mortificato senza un motivo

In Svizzera Rodriguez è una sorta di eroe nazionale, dopo il gol realizzato a Belfast e quello salvato sulla linea a pochi minuti dal termine nel match di ritorno dei playoff. Due oartite giocate egregiamente come esterno di spinta, ma abile anche a difendere. Eppure Montella continua a schierarlo centrale. Come se le alternative, da quelle parti, mancassero. C’è Musacchio, al limite anche Zapata. No, Rodriguez. Sembra quasi una scommessa personale. Persa, come molte altre, privando fra l’altro la squadra di una risorsa preziosa. Da quella parte, il Milan ha due adattati. Borini, che dovrebbe essere un attaccante, gioca esterno a tutta fascia. Rodriguez, uno dei migliori interpreti del ruolo di terzino fluidificante, schierato come centrale difensivo. A Napoli Borini è andato addirittura a completare la linea a quattro. Il prossimo passo per Rodriguez qual è? Metterlo in porta?