Redazione

Ha fatto scalpore qualche giorno fa la conferenza stampa in cui Carlos Tevez ha aperto alla possibilità di lasciare il calcio. Vi proponiamo un interessante articolo apparso sul Clarin, il principale quotidiano sportivo argentino, in cui vengono analizzati alcuni aspetti della vicenda. L’articolo è a firma di Matìas Bustos Milla.

Carlos Tevez ha deciso di riprendersi la scena prima della sfida contro il Lanus, che segnerà il suo ritorno in squadra dopo aver saltato due partite, in seguito all’espulsione rimediata contro il Belgrano. “Ritirarmi quest’anno è una possibilità, ne parlerò con la mia famiglia e con chi di dovere. Ho sempre detto che avrei lasciato il calcio a 28 anni e sono arrivato a 32 … “, ha scherzato l’Apache. Ma quali sono le ragioni che lo porterebbero a prendere questa decisione? Carlitos, che è tornato poco più di 14 mesi fa, a Natale aveva ripetuto di essere stanco di sentire critiche e di non comprendere più il modo di vivere il calcio in Argentina. “Una partita non può essere una questione di vita o di morte”. Poi aggiunse:”Quello che mi rende felice è entrare di domenica alla Bombonera per dare gioia alle persone che mi sostengono ogni giorno. Tento di combattere e dare tutto per il club”. E allora?

Non è la prima volta che Tevez parla della possibilità di lasciare. Il 25 luglio, dopo una licenza per esaurimento nervoso, in seguito al ko in Coppa Libertadores, aveva accennato al ritiro, ma l’amore per il Boca lo aveva fatto desistere. Tre giorni dopo la confessione: c’era stato un attrito con il club a causa di alcune critiche mosse dall’Apache  a tutta l’organizzazione. Dopo un paio di colloqui tornò la calma. In una conferenza stampa improvvisata alla porta Hotel Costa Galana, Adrian Ruocco, agente del giocatore, dichiarò: “Sta pensando al suo futuro, le sue parole non mi sorprendono. La gente del Boca lo ama e lui questo lo apprezza. Non si tratta di una decisione, lasciare è una cosa che hai nella testa”. Ma perché Tevez dovrebbe lasciare il calcio tra un anno? Un motivo potrebbe essere la mancata qualificazione del Boca alla Coppa Libertadores 2017. Senza questo grande obiettivo davanti, il finale di stagione suonerebbe come poco allettante per un giocatore che è arrivato proprio con la speranza di sollevare il massimo trofeo continentale per la seconda volta, come fece nel 2003.

TEVEZ HA ANCORA OFFERTE DA TUTTO IL MONDO
Le offerte non gli mancano. Nell’ultimo mercato sono arrivate proposte allettanti dai migliori club europei (Chelsea, Napoli e Inter, su tutti), poi c’è la MLS , con i suoi seducenti milioni di dollari, oltre al miraggio del calcio esotico degli Emirati Arabi Uniti e della Cina. Ma a questo punto il denaro non è una priorità: Tevez ha bisogno di una motivazione per continuare a giocare a calcio […]. Quando ha deciso di tornare a vestire la maglia del Boca, Tevez è stato per tutti “il giocatore del popolo”, anche se soffre la pressione. Senza Daniel Diaz e Agustin Orion, Carlitos ha ereditato la fascia di capitano e la leadership […]. Ora ha deciso di lanciare nuovamente questa bomba. Appenderà gli scarpini al chiodo davvero?