Matteo Muoio

Ridurre il gap con la Juventus, questo il diktat dalle parti di Castelvolturno. Il Napoli di Sarri è una macchina perfetta, in estate bastano pochi innesti, mirati e importanti. Le linee guida ci sono: un nuovo portiere, forse due, un terzino destro e un esterno d’attacco con caratteristiche simili a quelle di Callejòn. Questi gli obiettivi primari, poi si potrà pensare magari al grande colpo. Giuntoli ha individuato i profili per ogni ruolo, il mercato però stenta a decollare; prima ci sono da piazzare gli esuberi e risolvere la questione Reina.

napoli risultati 2017

Pepe Reina è arrivato a Napoli nell’estate 2013. E’ tornato nel 2015 dopo una stagione al Bayern

La grana Reina, Zapata e Pavoletti in cerca di sistemazione

Il portiere spagnolo è in scadenza 2018, ha chiesto il rinnovo a cifre importanti. Reina ha 35 anni, l’idea era quella di affiancargli un giovane di prospettiva da promuovere il prossimo anno; l’ex Liverpool è un leader dello spogliatoio, comanda la difesa ed è il primo regista del Napoli, ma il rendimento dell’ultima stagione è stato parecchio altalenante. Fra i pali non offre la sicurezza di un tempo, anche ieri con la Spagna si è reso protagonista di due errori in uscita costati le reti della Colombia. De Laurentiis offre un biennale con l’ingaggio attuale ( poco meno di 3 milioni ), che significa un’altra stagione da titolare e l’ultima a fare da chioccia all’erede, il portiere chiede un triennale a 3,5. Le parti sono lontane e in questo momento non sembrano volersi venire incontro, Reina potrebbe rimanere a scadenza o accettare le proposte che arrivano dalla Spagna. Il Napoli ha chiesto informazioni per Skorupski e Meret, nelle ultime ore è tornato prepotentemente su Neto, ritenuto più pronto dei due per fare il titolare da subito. Partirà sicuramente Rafael, forse pure Sepe, che in rosa è utile come prodotto del vivaio ma non vuole più fare il terzo; insomma, Giuntoli potrebbe ritrovarsi a dover acquistare due nuovi portieri in estate. Zapata è tornato dal prestito biennale all’Udinese e il Napoli lo cederà per fare cassa, davanti non c’è posto per il colombiano. Torino e Sassuolo sono interessate ma la valutazione fatta da De Laurentiis ( 15-18 milioni ) spaventa, l’agenta cerca acquirenti all’estero. Mertens ha rinnovato fino al 2020 e lo ha fatto, parola sua, per continuare a giocare da centravanti, Sarri non ha intenzione di muoverlo da lì dopo i 28 gol dell’ultimo campionato. Per i gradi di vice c’è posto per uno solo tra Milik e Pavoletti: il polacco è favorito, è giovane, aveva iniziato alla grande e si adatta meglio al gioco di Sarri. L’ex Genoa partirà, De Laurentiis comunque non ha intenzione di depauperare l’investimento di 18 milioni fatto a gennaio. In Italia hanno chiesto informazioni Lazio e Fiorentina, che difficilmente si spingeranno oltre i 10-12 milioni d’offerta, in Inghilterra ci pensa il Bournemouth.

Norberto Neto, in Italia dal 2011

LE MOSSE IN ENTRATA
Sarri vuole la squadra pronta per Dimaro, Giuntoli ha iniziato a muoversi in attesa di sistemare le questioni di cui abbiamo parlato. Servono un terzino destro di ricambio; dovrebbe lasciare una colonna come Christian Maggio, al Napoli dal 2008. Il vice-Hysaj potrebbe essere il giovane belga Foket, laterale destro del Gent e nazionale belga. L’intermediario Savini spinge per l’operazione, il classe ’94 ha il contratto in scadenza nel 2018 e una valutazione sui 9-10 milioni: con 6-7 si chiude. Il centrocampo non dovrebbe subire ritocchi, Sarri dispone di due alternative di livello per ogni ruolo e punta sulla crescita di elementi come Rog e Diawara. Davanti, detto di Mertens-Milik e Pavoletti, serve un altro esterno d’attacco che possa fare da prima alternativa a Insigne e Callejon, possibilmente con caratteristiche simili allo spagnolo. Giaccherini dovrebbe rimanere, con un ruolo ancor più marginale di quest’anno. La candidatura più calda viene proprio dalla Spagna e risponde al nome di Álex Berenguer dell’Osasuna; classe ’95, nazionale u.21, è un laterale orizzontale come Callejòn, uno a tutta fascia. Ha una clausola da 20 milioni, il Napoli ne ha offerti 7,5. Sul ragazzo c’è anche l’Athletic Bilbao, che invece ne ha messi 9 sul piatto; Iriarte, presidente del club di Pamplona, ai microfoni di Radio CRC ha rivelato di aver rifiutato la proposta dei baschi per aspettare il Napoli, confidando di avere “sensazioni positive” sulla buona riuscita dell’operazione. Giuntoli però deve fare in fretta e alzare la posta.

Foket con la maglia del Gent