Redazione

Ciao Neymar. Una partenza che sconvolge e innesca l’effetto domino sul mercato. La partenza del brasiliano sconvolge gli equilibri. In primis, il Barcellona diviene una superpotenza economica: ha un mare di soldi da investire sul mercato e, sulla carta, adesso prende davvero chi vuole.

Quanto basta per stravolgere i rapporti di forza europei. Il PSG, fair play finanziario a parte, insegue una strada potenzialmente sbagliata: si imbottisce di top player, ma dietro ha una qualità di rosa media, non certo all’altezza delle dirette concorrenti champions. E le altre? Ecco un effetto domino potenzialmente devastante per gli equilibri delle grandi d’Europa.

Chelsea, ora attenzione ad Hazard

Il Barcellona ha perso Neymar e deve sostituirlo. Tutti pensano immediatamente a Dybala. Eppure c’è un nome rimasto silente. In un agolino. Forse perchè è davvero l’obiettivo numero uno.

Il silenzio è assordante. Di quelli che può esplodere fragorosamente. Hazard. L’esterno del Chelsea è probabilmente il miglior esterno in circolazione al mondo. Non vede la porta come il brasiliano però è innegabilmente il suo sostituto ideale in un 4-3-3.

Chiunque perdesse Neymar, penserebbe più a lui, che a Dybala, certamente talentuoso, ma ancora tutto da scoprire a certi livelli. Hazard ha maggior esperienza internazionale, è collaudato. In questa ottica,la “joya” paga la finale di Cardiff, bucata clamorosamente. Peccato di gioventù o carenza di personalità? Nel dubbio, meglio andare sul sicuro. Hazard, in questo senso è una garanzia. Abituato a convivere con un “martello” come Conte, si inserirebbe con estrema facilità negli schemi blaugrana, rendendo, paradossalmente, più completo il Barcellona dal punto di vista di equilibrio tattico. Possibile che in Spagna non ci abbiano pensato? Probabilmente, aspettavano l’assegno. I tifosi spingono per l’acquisto del talento belga: oltre il 30% degli intervistati dalle radio locali, spingono per il folletto in forza al Chelsea? Con 220 milioni in tasca, sino a quando resta in blues?