Redazione

Toh, chi si rivede. Pjaca. Il giovane croato è ormai pronto per il rientro a tutti gli effetti. E non è escluso che Allegri lo possa convocare e mandare in campo, anche per pochi minuti, dopo il terribile infortunio che gli è costato sette mesi di stop. Adesso Pjaca è tornato e potrebbe anche sfruttare il “vuoto di potere” creatosi dallo scarso rendimento di Dybala, ormai sempre più lontano, anche in un futuro prossimo, dalla Juventus.

Sfortunatissimo quanto talentuoso

Da stella a esubero. Pjaca era inseguito da mezza Europa. La Juventus, arrivando prima, si era messa in casa un possibile crack di mercato. Poi, è andata in modo diverso. Questioni consonantiche. Crack? No. Crac. La sfortuna si è messa in mezzo e ha rimescolato le carte, facendo saltare il banco. Due infortuni, uno più grave dell’altro, lo hanno fatto sparire dai radar. Il talento, però, non si discute: e adesso che il rientro è vicino, Allegri pensa di sistemarlo al centro. Sia inteso come perno del trio che assiste Higuain nel 4-2-3-1, che in caso di ritorno ai due trequartisti. La Juve gioca molto sul possesso palla e sulla ricerca della profondità. In questa ottica Pjaca può divenire il perfetto assistman o riciclarsi come vice-Pipita.

Per Pjaca il momento è propizio

In questo preciso momento della stagione, Pjaca, la Juventus, può riprendersela. Certo, se la sfortuna si girasse a guardare da un’altra parte, tutto sarebbe più facile per un ragazzo dal talento pari alla malasorte. Prima l’infortunio al perone, poi al ginocchio. Negli ultimi due anni Pjaca ha visto più medici e fisioterapisti che compagni di squadra. Finalmente, però, si vede la luce in fondo al tunnel. E poi, fare il “Dybala” sarebbe un ritorno alle origini. Pjaca, nasce come trequartista e si è modellato come esterno. Partendo dai lati ha corsa e tecnica per accentrarsi e avanzare di una decina di metri. Ma dal centro può puntare l’uomo e saltarlo, aprendo così il ventaglio di scelte: creare superiorità numerica, tentare la conclusone a giro o di potenza da fuori. Con identici risultati: la familiarità con la rete non gli manca. E non sarà stata la sfortuna a cancellarla.