Elisa Ferro Luzzi

Sono passati 19 anni dall’ultima volta. L’ultima volta in cui Reggiana e Parma si sono affrontate in quello che è uno dei derby regionali, il “Derby dell’Enza”, più sentiti del nostro Paese. Il nome richiama il fiume Enza che separa le due province per tutta la lunghezza del suo percorso; è conosciuto anche come derby del Parmigiano Reggiano, ovvero il nome del celebre formaggio la cui paternità è storicamente contesa tra le due città. Ma non è solo questo il motivo del contendere: fin dall’epoca dei Comuni, infatti, le due città sono state in perenne lotta per questioni di confine. Addirittura, in entrambi i dialetti esistono termini per indicare gli acerrimi rivali: i parmigiani, infatti chiamano i reggiani tèsti quedri (teste quadre) e a loro volta vengono etichettati dai rivali come babolòn (bagoloni), un termine dispregiativo che significa “truffaldino, imbonitore, spaccone”.

Lo sfottò dei tifosi del Parma nei confronti dei cugini della Reggiana

Lo sfottò dei tifosi del Parma ai cugini “teste quadre” della Reggiana

Reggiana-Parma, stagione 1996-1997

Le due compagini si sono affrontate tra loro 75 volte, con un bilancio che vede 26 vittorie per la Reggiana, 25 pareggi e 24 vittorie per il Parma. Teatro di queste accesissime partite sono stati lo stadio Ennio Tardini di Parma e lo stadio comunale Mirabello di Reggio Emilia, poi sostituito dal Giglio oggi Mapei Stadium. Lo stesso del Sassuolo. Dopo quasi 20 anni di attesa finalmente le due formazioni tornano a darsi battaglia, anche se in Lega Pro e non in Serie A come invece avvenne l’ultima volta, ovvero durante la stagione 1996/97. L’andata (21 settembre 1996) si giocò al Tardini: un anticipo del sabato sera, visto che il Parma era in Uefa. Si affrontarono i gialloblu di Carlo Ancelotti (fino alla stagione prima dall’altra parte dell’Enza) e i granata di Lucescu. Parma in vantaggio con un’autorete di Grun, pareggio di Sabau, nuovo vantaggio parmigiano grazie ad un rigore di Chiesa, nuovo pareggio firmato Tovalieri e gol vittoria dei ducali ad opera di Zola (l’ultimo del fantasista sardo, che nel novembre successivo venne ceduto al Chelsea). Guardate un po’ che formazione quella ducale. E guardate un po’ chi erano le riserve in panchina

Parma-Reggiana 21/09/1996

Parma-Reggiana 21/09/1996 (calcio-seriea.net)

L’ULTIMA VOLTA E I RUBINETTI LANCIATI IN CAMPO
La partita di ritorno fu la prima e l’unica giocata nel nuovo stadio reggiano, il Giglio (oggi Mapei Stadium): 16 febbraio 1997, nel posticipo serale si diedero battaglia un Parma in prepotente risalita ed una Reggiana che, affidata a Francesco Oddo, aveva un piede in Serie B. Ne uscì fuori uno 0-0 davvero soporifero, l’unico ed indimenticabile spunto di cronaca fu rappresentato dal gesto assurdo di alcuni tifosi reggiani che pensarono bene di rompere alcuni lavandini presenti nei bagni dello stadio, staccare i rubinetti e gettarli in campo cercando di centrare i giocatori. Per fortuna nessuno venne colpitoAnche qui, guardate che formazioni e chi durante il corso della stagione era diventato titolare nel Parma

Reggiana-Parma 21/02/1997

Reggiana-Parma 16/02/1997 (calcio-seriea.net)

CRACK FINANZIARI, FALLIMENTI E LEGA PRO
Nei mesi successivi il Parma non riuscì a compiere la rimonta scudetto sulla Juve ma centrò con orgoglio la sua prima storica qualificazione in Champions; in più poté godere dell’inizio della strabilianti carriere dei giovanissimi Buffon, Cannavaro, Thuram e Crespo. La Reggiana tornò in B. Da quel momento in poi i due club non si sono più affrontati, né in gare amichevoli né in competizioni ufficiali. Ma hanno entrambi dovuto affrontare avverse vicende societarie: intorno alla metà degli anni 2000 il Parma è finito per tre anni in amministrazione straordinaria a causa del crack Parmalat e la Reggiana è fallita, principalmente per colpa delle spese per la costruzione dello stadio di proprietà. Ora è al quattordicesimo anno consecutivo di Serie C/Lega Pro. Il Parma è fallito un anno e mezzo fa ed è dovuto ripartire dai Dilettanti: ora è in Lega Pro ma sta affrontando un momento non proprio felice a causa della dipartita di Apolloni, Minotti e Scala.

IL VIDEO SFOTTO’ CHE IMPAZZA SUL WEB
A Reggio sono attesi 20 mila spettatori, che vinca il migliore. Noi intanto ci godiamo questo video sul Derby dell’Enza diventato ormai virale. Un reggiano (Willer Collura) con la maglia granata e un parmigiano (Marco Corradi) con la maglia crociata, seduti al tavolino di un bar discutono in maniera ironica e divertente del derby che manca da 19 anni. Un video improvvisato, ma bello, pulito, intelligente. All’insegna del sano sfottò e in grado di ricamare sulle diversità e le usanze di Reggio e Parma.