Redazione

Due rette parallele, che sembrano destinate a non incontrarsi mai. Questa è l’immagine che viene in mente pensando alla Serie A e a Maxime Gonalons, centrocampista della Roma. L’ex capitano del Lione è stato a lungo inseguito dal Napoli, che per ben due estati ha provato senza successo a strapparlo ai francesi. La missione è riuscita nel mercato appena concluso a Monchi, che del transalpino è da sempre un estimatore. Cinque milioni all’OL e contratto fino al 2021 per il calciatore. A cui Di Francesco nelle prime amichevoli stagionali ha cucito addosso il ruolo di vice De Rossi, prevedendo addirittura tra i due una leale ma agguerrita concorrenza.

Esordio nuovamente rimandato

Eppure Gonalons con la Roma deve ancora prendere parte a un match ufficiale. Centottanta minuti in panchina tra Atalanta e Inter, poi la sosta. Il match con la Sampdoria doveva essere il momento fatidico, in cui il capitano della Roma si sarebbe accomodato accanto a Di Francesco, lasciando al francese l’onere e l’onore di dettare i tempi del centrocampo giallorosso. Ma (e mai proverbio fu più azzeccato) piove sempre sul bagnato e il previsto acquazzone che dovrebbe abbattersi su Genova in concomitanza con la partita avrà di certo sul numero 21 della Roma l’effetto di una doccia fredda. Trasferta in Liguria posticipata a data da destinarsi ed esordio di nuovo rimandato.

Gonalons, possibile uomo Champions?

I tifosi giallorossi dovranno quindi attendere la quarta giornata, lo scontro casalingo contro il Verona, per ammirare le movenze e le geometrie del francese. Ma non è detta l’ultima parola. Di mezzo c’è la Champions, palcoscenico che Gonalons conosce a menadito, avendo preso parte a ben cinque edizioni della Coppa dalle grandi orecchie con la maglia del Lione. Un’analisi delle scelte di Di Francesco (seppur rovinate dall’allerta pioggia) lascia supporre che contro l’Atletico in campo ci sarà De Rossi, ma in una partita così sentita l’esperienza internazionale del transalpino può certamente diventare utile, anche a partita in corso.

Una volta partito, chi lo ferma il francese?

Anche perchè il tecnico lo ha dichiarato più volte, il francese sarà una pedina importante e sta assimilando i dettami tattici dell’allenatore giallorosso. Non c’è stata occasione di provarlo perchè l’inizio di stagione della Roma non è stato dei più morbidi, con un calendario che lascia poco spazio alle sperimentazioni. Ma anche un mancato utilizzo contro l’Atletico, sia dal primo minuto che dalla panchina, non sarebbe una bocciatura per il ventottenne. Le occasioni ci saranno per tutti e Gonalons potrà dimostrare tutto il suo valore ai suoi nuovi tifosi, che attendono curiosi, e magari conquistarsi anche il posto. L’importante sarà partire, ma è destino che accada. Non può mica piovere per sempre, no?