Stefano Impallomeni

Divide già la tifoseria per il suo passato laziale, ma Aleksandar Kolarov è senza dubbio quel che ci voleva. Nella martoriata e quanto mai incidentata corsia sinistra, il serbo garantisce esperienza, forza, tecnica, cross e tiri potenti. In più sa calciare le punizioni e il suo mancino è in grado di offrire finezze e tocchi morbidi, non soltanto effetti e bolidi improvvisi.

Kolarov non è soltanto un portento atletico offensivo, un gingillo da metter su in bella mostra. Non è soltanto uno che va e che non torna, che non copre la sua zona di competenza. Certo, meglio vederlo dalla metà in campo in su, dove fa più male agli avversari. Ma non è neanche uno sprovveduto in fase difensiva, in cui ha comunque preso confidenza nelle diagonali sebbene a volte si scordi tempi e meccanismi, soprattutto in alcuni sistemi di gioco. Alla Lazio era formidabile nel 4-4-2, mettendo a frutto gli spazi, partendo bene da dietro lontano e profondo, perché Kolarov più campo vede, più si trasforma in un valore aggiunto. Molto bene anche nel 3-5-2, un po’ meno nel 4-3-3, in cui però avrebbe capito negli ultimi tempi dove e come scattare in avanti o, al contrario, aspettare in zona eventuali attacchi avversari.

Monchi ha compiuto un capolavoro: 5 milioni di euro più uno e mezzo di bonus, si tratta di una spesa quasi impercettibile per un calciatore del genere. La Roma ha messo a segno un ottimo colpo. Kolarov non può dividere in questo modo la tifoseria . È un calciatore che ha appena 31 anni e non ci sembra così in disarmo come molti vogliono far credere. Le 29 partite di Premier con il City dello scorso anno certificano ancora l’agonismo importante di un elemento che mancava da tempo alla Roma. Il terzino sinistro ha un suo degno rappresentante. In questo momento era il meglio che potesse capitare. Prenderlo a quel costo, la vera differenza dell’affare. Che poi abbia avuto un passato laziale poco importa. I tifosi romanisti devono essere soddisfatti. Se dovesse arrivare anche Mahrez, sarebbe il completamento di un mercato intrigante. Sarà una Roma davvero molto interessante da seguire. Di Francesco avrà a disposizione una rosa significativa.