Redazione

Cinque buoni motivi per vincere il derby. La Roma ha tante ragioni per far sua la stracittadina. E tutte validissime. Per la gloria, ma non solo. C’è di mezzo anche altro, ben oltre il semplice gusto della rivalità cittadina.

1) La classifica

Per un curioso caso del destino, le due squadre arrivano anche a parità di partite. Quindi anche i calcoli sui possibili recuperi sono aboliti. Ergo, la Roma ha la grande opportunità di operare il sorpasso e accorciare la classifica. Si gioca sempre un Napoli-Milan molto interessante e i giallorossi, qualora riuscissero a centrare il risultato pieno, si accomoderebbero in poltrona a osservare le rivali da posizione privilegiata. Raggiungerebbero l’Inter al terzo posto, piazzandosi a -2 dalla vetta con una partita in più da recuperare.

2)Vincere uno scontro diretto

La Roma, sinora, non è mai riuscita, più per sfortuna che per demerito, a centrare il risultato pieno in uno scontro diretto. Tre pali contro l’Inter, più un arbitraggio perlomeno discutibile che ancora brucia sulla pelle. Altri due legni contro il Napoli. Totale un paio di sconfitte assolutamente immeritate e che comunque dicono che i giallorossi si sono fermati sul più bello. Ecco, è ora di invertire la tendenza. E vincere con la Lazio è il miglior modo per spostare il trend.

3) Entusiasmo per il futuro

La vittoria in un derby genera storicamente entusiasmo. Superare la Lazio significherebbe moltiplicare per due il discriminante fra la consapevolezza di essere una grande squadra e la certezza di poter disputare un campionato di vertice. I biancocelesti hanno già vinto uno scontro diretto allo Juventus Stadium e triturato il Milan in casa. Aspettano la Roma per calare il tris, Impedirlo genererebbe un contraccolpo in casa biancoceleste

4) Per Di Francesco, che dimostra di essere il migliore

Eusebio Di Francesco, da calciatore, ha vissuto un periodo difficile: i quattro derby persi in una sola stagione. Quanto basta per generare una voglia di rivincita più che comprensibile. Al di là del campanilismo, questa è una sfida fra i due migliori allenatori del campionato. Vincerla, significherebbe moltissimo anche per quelle pochissime sacche di tifosi che ancora rimpiangono chi i derby li ha persi e anche male, facendosi “incartare”

5) Il più facile. Perchè è un derby.

E i derby non si giocano, si vincono