Adriano Stabile

La Roma affronterà la squadra portoghese del Porto nei playoff di Champions league: questo l’esito del sorteggio effettuato stamattina a Nyon (Svizzera). La gara di andata di Porto-Roma si giocherà in Portogallo mercoledì 17 agosto. Il ritorno si disputerà all’Olimpico martedì 23 agosto. Fischio d’inizio di entrambe le partite fissato alle ore 20,45.

Porto-Roma, tutti i segreti dei portoghesi

LA SQUADRA: E’ ARRIVATO TELLES, EX INTER
E’ appena iniziata l’era di Nuno in panchina. Nella scorsa stagione, in Europa, il Porto non ha brillato: eliminato dalla fase a gironi della Champions League a causa di due sconfitte nelle ultime due giornate (contro Dinamo Kiev e Chelsea, che così si sono qualificate), è poi uscito ai sedicesimi di finale dall’Europa League (doppio ko contro il Borussia Dortmund). Dal mercato sono arrivati Felipe, difensore brasiliano proveniente dal Corinthians, Telles, ex Inter, e la riserva di centrocampo João Carlos Teixeira, cresciuto in Inghilterra (2 presenze nel Liverpool). Non c’è più invece l’ex romanista José Angel, ceduto in prestito al Villarreal dopo due stagioni anonime.

L’ALLENATORE: NUNO, ALLIEVO DI MOURINHO
Nuno Espirito Santo, per tutti Nuno, 42 anni, ex portiere, si è appena insediato sulla panchina dei “dragoes”, firmando un contratto biennale. Era riserva di Vitor Baia quando il Porto di Mourinho vinse la Champions nel 2004, battendo 3-0 il Monaco. Nel 2014-15 ha guidato il Valencia, qualificandosi per la Champions League grazie a un ottimo quarto posto. Con la formazione spagnola ha adottato soprattutto i moduli tattici 4-1-4-1 e 4-3-3. Tra i suoi assistenti c’è Rui Barros, ex calciatore della Juventus.

I BIG: HERRERA, MA ATTENTI A SILVA
Il messicano Hector Herrera, a lungo corteggiato dal Napoli, è il fulcro del gioco. Titolare della sua nazionale, ha 26 anni e una certa confidenza con il gol, nonostante sia un centrocampista tuttofare. Nel 2014 il giornale inglese Guardian l’ha incluso tra i 100 calciatori più forti del mondo in attività.
Tra i pali c’è il 35enne Casillas, ex capitano del Real Madrid, che però non è più affidabile come un tempo. Maxi Pereira, minuto 32enne uruguaiano, è un prezioso jolly di difesa e centrocampo, che predilige giocare da terzino destro. Per otto anni è stato colonna del Benfica. Altra colonna è Danilo Pereira, fresco campione d’Europa con la Nazionale portoghese, possente centrocampista che spesso occupa ruoli difensivi. Pericolosi sono anche l’esterno offensivo franco-algerino Yacine Brahimi, ma soprattutto l’uomo nuovo dell’attacco, André Silva. Possente punta di 20 anni, ha già segnato in tutte le rappresentative giovanili portoghesi e si è fatto largo nel Porto B, a forza di gol. E’ stato protagonista dell’ultima finale di Coppa del Portogallo, con una doppietta (e rovesciata vincente all’ultimo minuto) che ha permesso al Porto di recuperare lo 0-2 iniziale contro il Braga. I “dragoes” hanno poi perso il trofeo ai calci di rigore. Questa estate si è messo ulteriormente in luce segnando cinque gol in altrettante partite di preparazione.

IN CAMPIONATO: TERZO LO SCORSO ANNO
Terzo nella scorsa stagione, inizierà il nuovo campionato venerdì prossimo, contro il Rio Ave. La preparazione estiva si concluderà domani con un’amichevole contro gli spagnoli del Villarreal, anch’essi impegnati nei preliminari di Champions. L’unico passo falso nella preparazione del Porto è stato il 3-0 incassato dal Psv Eindhoven, il 21 luglio in trasferta. A cavallo delle due sfide con la Roma dovrà affrontare l’Estoril, nella seconda giornata della Liga lusitana.

PRECEDENTI CON LA ROMA: VINCENTE NELL’81-82
Nella stagione 1981-82 il Porto eliminò i giallorossi dalla Coppa delle Coppe agli ottavi di finale. All’andata, in casa, i portoghesi si imposero 2-0 con reti dell’irlandese Walsh a fine primo tempo e di Costa all’inizio della ripresa. Il ritorno, all’Olimpico, finì 0-0. In campo, in entrambe le gare, c’erano Nela, Conti e Chierico che oggi lavorano per la Roma, con incarichi differenti.