Redazione

Il re sembrava nudo. Walter Sabatini ha dichiarato chiuso il mercato dell’Inter ma, come spesso accade al direttore sportivo, non è stato preso sul serio. Del resto, il dirigente nerazzurro è il re incontrastato dell’ultima giornata di calciomercato.  Quando il cerchio si stringe, lui c’è sempre. E raramente resta a mani vuote. E anche questa volta è andata cosi. Alla fine, arriva Karamoh.

Soldi? Pochi.

Finisce cosi. Stavolta davvero.  Anche i soldi, probabilmente. Chi ha avuto ha avuto. Chi ha dato, ha dato. E senza scomodare il passato non si ricorda, a memoria d’uomo una campagna acquisti del genere. Alla fine arriva…Karamoh è uno dei vecchi (a dispetto della giovanissima età) pallini di Sabatini. Il dirigente vorrebbe anche provarlo a prendere, forte degli ottimi rapporti intrattenuti con l’entourage, ma restava da convincere la dirigenza che sinora aveva chiuso in faccia a ogni trattativa sotto gli 8 milioni di euro.

karamoh 

Giovane ma già pronto ad alti livelli

Giovane, promettente, a costo contenuto. Le condizioni sono quelle giuste. Karamoh è l’alter ego di Keita. Il classico colpo alla Sabatini. L’esperienza? Più che discreta: è il calciatore under 20 più impiegato fra i 5 campionati europei più importanti d’Europa. 35 presenze 5 gol e 4 assist al suo esordio in League one. C’è di peggio, insomma.

Cosa dà all’Inter?

All’Inter serve parecchio, sia per far rifiatare Perisic, sia come alternativa a Candreva che come titolare: il ragazzo è un esterno d’attacco di fascia destra da una falcata non comune per un calciatore della sua stazza. 185 centimetri distribuiti su un fisico agile e potente. Quasi imprendibile nello scatto sul breve, è il classico velocista che vive di strappi: va via al marcatore, cerca e trova il fondo e l’assist per il compagno, senza disdegnare la soluzione personale. Fra le sue caratteristiche migliori anche un senso tattico fuori dal comune: riesce a tagliare alle spalle dei difensori quando l’azione si svolge dalla parte opposta. Un vice Candreva o Perisic a tutti gli effetti.