Matteo Muoio

In Italia seguiamo da vicino le vicende dei tre laziali Keita-Biglia e De Vrij, che per il momento condizionano e bloccano le mosse in entrata dei biancocelesti. La Roma invece si è aggiudicata Gonalons a prezzo di saldo, come vorrebbe fare la Juve con De Sciglio e lo stesso Keita. Il Milan se l’è vista brutta con Donnarumma, che rinnovando partirà solo per offerte stratosferiche, magari al prezzo imposto dalla clausola. Insomma, scadenza 2018 croce e delizia del mercato. Allargando lo sguardo all’orizzonte europeo notiamo come da gennaio ci sia la possibilità di aggiudicarsi a 0 parecchi profili interessanti: top players, giovani dal futuro assicurato, usato sicuro. Forse mai come questa estate il parco giocatori con un solo anno di contratto è stato così ricco di qualità e blasone. Andiamo a vedere nel dettaglio.

Josè Gimènez, 22 anni. All’Atletico dal 2013

Occasioni dalla Liga: Gimènez e Kepa pezzi pregiati, occhio a Iniesta

Volendo sognare si potrebbe pure ricordare come, di fatto, Messi non abbia ancora firmato il rinnovo che lo legherà al Barcellona con un contratto da 30 milioni netti a stagione ed una clausola da 400. Questione di giorni però, abbandoniamo subito ogni velleità. Dalla Liga comunque arrivano diversi suggerimenti per il colpo da copertina. Il mago Iniesta, ad esempio, non ha ancora deciso se chiudere la carriera al Barça o provare una nuova, ultima avventura, come ha fatto il suo compagno e amico Xavi. Lui però non pensa all’esilio dorato, ha strizzato l’occhio alla Juve ed è tentato dalla Premier. Certo, il prossimo luglio avrà 33 anni e i trucchi non saranno più quelli dei tempi migliori, ma lo spettacolo, c’è da scommetterci, rimarrà comunque gradevole. Formalmente rimane in scadenza pure Isco, che comunque a giorni dovrebbe allungare – a cifre importantissime – il rapporto col Real Madrid. L’occasione più ghiotta arriva dalla parte colchonera di Madrid, dove rischiano di perdere al ribasso il gioiello Josè Gimènez: a 22 anni è uno dei difensori centrali più ambiti d’Europa, gli sforzi compiuti dalla dirigenza per il rinnovo non hanno ancora avuto esito positivo. L’Inter ci sta già provando. Sempre in casa Atletico, Juanfran giocherà un’ultima stagione prima di liberarsi a 33 primavere sulle spalle: la spinta viene un po’ meno, ma nei 22 può ancora può dire la sua in qualsiasi squadra per un altro paio d’anni. Occasione Carlos Vela dalla Sociedad, occhio pure a Mariano del Siviglia, ottimo terzino, e, soprattutto Kepa Arrizabalaga, portiere classe ’94 del Bilbao: tra i migliori interpreti del ruolo nell’ultima Liga e titolare dell’under 21.

Emre Can impegnato in Confederations contro il Cameroon

PREMIER: CHAMBERLAIN E RAMSEY DALL’ARSENAL, BARKLEY E CAN PER LA MEDIANA
Grosse opportunità pure dalla Premier. In casa Arsenal tengono sempre banco le situazioni relative ai big Sànchez e Ozil: la partenza sembra scongiurata ma neppure il rinnovo pare così scontato. Sempre tra i Gunners è in scadenza pure Ramsey, cui non sono ancora state recapitate offerte di rinnovo, mentre Oxlade-Chamberlain ha già rifiutato una prima proposta e a gennaio sceglierà la sua nuova destinazione. Lo United deve decidere cosa fare con Shaw, che in 3 stagioni, tra infortuni e incomprensioni, non ha mai convinto. Mourinho vuole bloccare Herrera, mentre lascerebbe partire a cuor leggero Juan Mata, su cui già si stanno muovendo sottotraccia parecchie big. Sulla sponda blu di Manchester devono fare i conti con Fernandinho, che probabilmente la prossima estate si trasferirà in Cina a meno di offerte allettanti dal Vecchio Continente. Kolarov ha recentemente manifestato voglia di Lazio e chissà che la prossima estate non possa tornare a Roma. Di assoluto interesse i profili di Barkley e Emre Can, un ’93 e un ’94: il golden boy dei Toffees vuole cambiare aria, prenderlo a 0 sarebbe un affare, il tedesco ha già ricevuto offerte di rinnovo dal Liverpool ma aspetta la chiamata di qualche top club. La Juve ci sta pensando.

Max Meyer alza il trofeo europeo u.21 conquistato contro la Spagna

MEYER E GORETZKA, ORO DALLA BUNDES. I GIOIELLI DEL NIZZA IN SALDO
In Bundes Robben e Ribery saluteranno Monaco dopo anni di successi e trofei. Ritorno in patria o MLS, queste le soluzioni più plausibili, per il francese si parla pure di un possibile ritiro. E’ in scadenza 2018 pure Luiz Gustavo del Wolfsburg, che già sta cercando una nuova sistemazione. Rischia grosso lo Schalke con i gioiellini classe ’95 Meyer e Goretzka: sono il futuro del calcio tedesco, lo hanno dimostrato in questi giorni tra Europeo u.21 e Confederations, perderli a 0 sarebbe delittuoso. Si sta lavorando ai rinnovi, magari con clausola, visto che le offerte arrivate finora non convincono. Attenzione pure a Subotic, centrale del Dortmund, un buon colpo per squadre di fascia medio-alta. In Ligue 1 Balotelli dovrebbe ritrovarsi ancora a decidere se proseguire a Nizza o altrove, fari puntati sul suo compagno di reparto Plèa, classe ’93, e sull’ottimo Koziello, classe ’95, faro del centrocampo rossonero. Matuidi dovrebbe lasciare Parigi già in questa sessione, così come Ben Arfa. Corchia del Lille potrebbe rappresentare un buon rinforzo sull’out destro di difesa, mentre per chi cerca un regista di sicura affidabilità c’è l’opzione Moutinho dal Monaco

Italia Irlanda precedenti

Balotelli con la maglia della nazionale italiane ad Euro 2012