Redazione

Il Rende in serie C. La cittadina in provincia di Cosenza torna a riassaporare il grande calcio dopo 33 anni. La società calabrese ha vinto il ricorso presentato al CONI e ottenuto il ripescaggio. Tutti contenti. Anche e sopratutto Lega e FIGC. Il ripescaggio restituisce la terza serie a 57 squadre. Perfetto per riorganizzare i gironi: tre gruppi da 19 squadre.

Una scelta sensata, giunta in ritardo

La Prima Sezione del Collegio di Garanzia ha accolto il ricorso del Rende e ordinato a FIGC e LEGA Pro di riammetterlo in Serie C. Una decisione inevitabile: il Rende aveva rispettato tutti i parametri d’iscrizione al prossimo campionato. Ristrutturazione e ammodernamento dello stadio. Fideiussione di 300 mila euro a fondo perduto. Unica pecca, la presentazione della prima richiesta, non esattamente in regola. “Anomalie”, non meglio identificate. La società calabrese, ovviamente, non si è arresa. Ha inviato una seconda fidejussione, riveduta e corretta. Tutto a norma. Anzi, no. La richiesta è giunta in ritardo. Quindi? Ricorso bocciato. In provincia di Cosenza, però, sono rimasti aggrappati al sogno sino all’ultimo attimo. E, alla fine, hanno ottenuto giustizia. Sentenza discutibile non per la legge, ma per i tempi. Sarebbe stato sufficiente decidere subito: il Rende avrebbe subito una lieve penalizzazione, senza riformulare gironi e calendari a poche ore dal varo della nuova stagione. Una soluzione all’italiana maniera. Un caos che lede la credibilità di un sistema comunque da rivedere da cima a fondo. Un rispescaggio a poche ore dal varo dei calendari non…Rende una bella immagine.

Tutte le sfide che Rende ha sempre sognato

L’ammissione del girone C apre scenari inimmaginabili per il Rende, vissuta perennemente all’ombra del calcio che conta dopo aver retto cinque campionati di C1 consecutivi fra il 1980 e il 1984. Poi (poca) C2 e (tanta) LND. Nel 2006, i i biancorossi hanno solo sfiorato il sogno, eliminati dal Taranto nella finale play off. Undici anni dopo, la promozione è arrivata in…Tribunale. E adesso affronteranno tutti i derby possibili e immaginabili. Rende è attesa da Cosenza, Catanzaro e Reggina. E l’esordio nel calcio professionistico avverrà in casa, ospitando proprio la squadra dello Stretto. L’inizio di un percorso affascinante quanto complicato: non solo derby, ma trasferte ostiche in campi come Pagani, Castellammare di Stabia, Caserta, Catania. Sfide sentitissime e spettacolari: mai come in questa stagione, la terza serie è il campionato dei campanili. La composizione del girone meridionale è da ribattezzare. Serie C girone C…aschi blu.

.