Adriano Stabile

Un incredibile colpo in acrobazia che ha lasciato il segno: sono passati praticamente 12 anni esatti da quando l’Italia ha scoperto Zlatan Ibrahimovic, nell’unico match giocato dall’asso scandinavo in carriera contro gli azzurri. E’ il 18 giugno 2004 e la nazionale di Giovanni Trapattoni affronta la Svezia nella seconda giornata del girone C degli Europei in Portogallo.

Ibra colpisce di tacco

Gli azzurri passano in vantaggio al 37’ con un colpo di testa di Cassano su cross di Panucci, ma, quando ormai assaporano il successo, ecco che sale in cattedra Ibra. A cinque minuti dalla conclusione Källström batte un calcio d’angolo, in area di rigore parte un flipper aereo impazzito, batti e ribatti finché Ibrahimovic, spalle alla porta, anticipa Buffon in uscita arpionando il pallone con un colpo di tacco volante in girata, che si infila sotto l’incrocio, scavalcando Vieri sulla linea. E’ un gol incredibile, fuori dagli schemi, facilitato dalla confidenza che l’attaccante svedese ha con le arti marziali, soprattutto il taekwondo.

All’epoca Zlatan Ibrahimovic non ha ancora 23 anni, è alla 25ª presenza in nazionale (oggi è arrivato a 114) e contro l’Italia segna il suo nono gol in maglia svedese (oggi è a quota 62 reti). E’ già una stella nell’Ajax ed è corteggiato da tanti top club europei, tra i quali Juventus e Roma: «Rispetterò il contratto con l’Ajax – dice Ibra, tagliando corto, dopo il tacco all’Italia – ho ancora molto da imparare col mio club». Quattro giorni più tardi, il 22 giugno 2004, è in campo nella sfida contro la Danimarca, conclusa 2-2, che costituisce uno dei più celebri “biscotti” della storia del calcio, con l’Italia eliminata dagli Europei. «E’ uno schifo, uno scandalo a livello mondiale», dice Gigi Buffon, già portierone azzurro. Ci metterà poche settimane a dimenticare l’ira per quel pareggio tra Svezia e Danimarca: il 31 agosto, con un blitz di mercato a sorpresa, la sua Juventus ingaggia Ibrahomivic, versando 16 milioni di euro all’Ajax. Da quel giorno l’asso svedese diventa di casa anche nel nostro Paese. E 12 anni dopo fa nuovamente paura all’Italia.

https://youtu.be/kwdGw2Zu_jo