Redazione

Juventus, cosi, proprio, non Va..r. La moviola in campo vale per tutti? O No? Malizosi e benpensanti scatenati dopo il rigore concesso al Genoa. Due giornate di campionato, altrettanti rigori decretati contro i bianconeri. Una vera manna dal cielo per gli avanguardisti della cultura del sospetto: zittiti da una prestazione maiuscola che però non cancella quanto accaduto.

Prima squadra della storia sfavorita dal VAR

Il Var ha toppato. Clamorosamente. Il rigore contro la Juventus era da fischiare. E ci sta. Peccato che l’azione parta da una posizione di fuorigioco di Gabinov. Così solerti a decretare il rigore, ma otto occhi  occhi (arbitro e assistente di line, uomo var e assistente var) non sono riusciti a percepire la posizione di partenza del calciatore bulgaro. E se direttori di gara hanno la scusante di essere in movimento, chi sta comodamente seduto cosa fa? Osserva solo ciò che gli risulta più interessante?

Cosi non è calcio

La Juventus si è dimostrata più forte anche della tecnologia avversa, ma ciò non giustifica una condotta di gara al limite del tollerabile. Per dirla tutta a Banti era sfuggito anche il fallo di mano di Lazovic, che ha causato il rigore del 2-2 . Il “Var” è una macchina. Non è capace di intendere e di volere. Chi è al timone, invece si. Dunque occorre immediatamente rivedere il protocollo: sopratutto nei casi “silenti” ovvero quando non è l’arbitro a chiedere l’aiuto, ma è chi si trova al controllo a decidere se è il caso o meno di interrompere il gioco.

La grande bellezza: Dybala

Fortunatamente vi sono ancora uomini capaci di ribellarsi alle ingiustizie. La bellezza della Juventus si racchiude nei gesti tecnici e nell’armonia di Dybala. Un giocatore che ammalia. Accecante. A tal punto da nascondere anche gli evidenti scricchiolii di un difesa che resta solida, ma è molto più perforabile di una volta. Qualche sbandamento di troppo, lì dietro, a prescindere dal Var. Di buono c’è che i gol che la Juve segna, sono tantissimi. La sensazione è che vedremo una squadra più “spagnola”, molto più “europea” rispetto ai canoni della Serie A. La Juventus segnerà molto, incasserà un po’ di più: bene cosi. Cardiff ha insegnato che un attacco atomico vale più di una difesa di ferro.